HOME Articoli

Lo sai che? Interessi non dovuti? Il decreto ingiuntivo va revocato ma il debito resta

Lo sai che? Pubblicato il 25 febbraio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 25 febbraio 2014

L’ingiunzione va revocata per intero se si scopre che solo gli interessi non sono dovuti mentre il capitale invece lo è.

Il creditore, quando notifica al debitore il decreto ingiuntivo, conteggia, insieme al capitale dovuto, anche gli interessi nel frattempo maturati; ma che succede se il calcolo di questi ultimi è sbagliato o, se peggio, essi non sono dovuti affatto?

La risposta viene data da una sentenza della Cassazione pubblicata qualche ora fa [1].

Secondo la Suprema Corte, se si scopre che gli interessi conteggiati nell’ingiunzione non sono dovuti o sono stati calcolati in modo errato, il giudice deve accogliere l’opposizione proposta dal debitore; con la conseguenza che il decreto ingiuntivo deve essere completamente revocato.

Ad essere precisi, però, l’opposizione al decreto ingiuntivo deve essere accolta soltanto rispetto alla parte relativa agli interessi in esso contenuta. Pertanto, il debito originario resta comunque. La conseguenza sarà che, a seguito del giudizio di opposizione, il magistrato, pur annullando l’ingiunzione, ricalcolerà la somma complessivamente da versarsi al creditore. E ciò perché il giudizio di opposizione riguarda l’intera situazione giuridica controversa. In altre parole, la sentenza finale condannerà il debitore a pagare solo il capitale e l’eventuale importo rettificato a titolo di interessi (se dovuti).

note

[1] Cass. sent. n. 4436/14 del 25.02.2014.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI