Diritto e Fisco | Articoli

Partite truccate: il Codacons annuncia una class action per gli scommettitori

17 gennaio 2012


Partite truccate: il Codacons annuncia una class action per gli scommettitori

> Diritto e Fisco Pubblicato il 17 gennaio 2012



In arrivo una class action contro le partite truccate: risarcimento danni a favore degli scommettitori truffati.

Chi può documentare di aver puntato su una delle partite risultate truccate nell’ultimo scandalo del calcio-scommesse [1] potrà agire, con un’azione collettiva, contro le società e i giocatori responsabili.

Il Codacons [2], infatti, ha annunciato una class action [3] finalizzata a far ottenere a tifosi e scommettitori il risarcimento dei danni per i risultati manipolati [4].

L’azione sarà volta a ottenere, innanzitutto, la refusione delle somme puntate con le scommesse, ma anche il rimborso dei biglietti dello stadio, i costi delle trasferte, gli abbonamenti alle pay-tv, nonché i danni morali [5].

La riprovevole pratica delle partite “taroccate” rappresenta l’ennesima delusione per i tifosi, continuamente mortificati dal comportamento dei loro idoli, fuori e dentro il campo.

Chissà che questa volta, grazie all’azione collettiva, non possano prendersi una bella rivincita.

Chiunque sia interessato agli sviluppi dell’iniziativa (attualmente allo studio dei legali della Codacons) tenga d’occhio il sito dell’associazione o il portale “La Legge per Tutti”.

di BIAGIO FRANCESCO RIZZO

note

[1] Lo scandalo nasce da un’inchiesta della Procura di Cremona che ha ipotizzato i reati di “associazione a delinquere ” e “frode in competizioni sportive” nei confronti di molti giocatori e addetti ai lavori. Anche la Procura di Napoli sta indagando su alcune partite “sospette”.

[2] “Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori”.

[3] Introdotta in Italia con la L. 49/2009, è uno strumento di tutela collettiva che consente di richiedere, in un unico processo, il risarcimento del danno subito da un gruppo di cittadini danneggiati dal medesimo fatto.

[4] La giocata dell’ignaro scommettitore risultava falsata dal combine dei giocatori. Gli unici a “vincere facile” erano gli stessi calciatori e le organizzazioni criminali alle loro spalle.

[5] Con riferimento a questi ultimi, però, occorre segnalare l’importante sentenza della Cassazione n. 26972/2008 in cui si afferma l’irrisarcibilità dei danni c.d. bagatellari, ovverosia quei meri disagi e fastidi che non costituiscono un’ingiustizia costituzionalmente rilevante.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI