Parte l’anagrafe dei falsi poveri presso l’Inps: ok del Garante al Casellario dell’Assistenza

26 Febbraio 2014
Parte l’anagrafe dei falsi poveri presso l’Inps: ok del Garante al Casellario dell’Assistenza

Nasce un nuovissimo database contenente tutte le informazioni dei beneficiari di prestazioni assistenziali e previdenziali, in modo da ricostruire le posizioni reddituali degli stessi ed elaborare anche statistiche e studi.

Con l’ok appena dato dal Garante della Privacy [1] allo schema di decreto del Ministero del Lavoro, tutto è ormai pronto per l’anagrafe rivolta a stanare i falsi poveri: si chiama “Casellario dell’Assistenza ed è costituito presso l’Inps [2]. Essa servirà alla raccolta, conservazione e gestione dei dati personali e familiari dei beneficiari, delle informazioni sugli enti eroganti e sulle prestazioni assegnate. Insomma, qualcosa di molto simile all’anagrafe tributaria e con la quale, peraltro, potrà “parlare” per scambiarsi i dati anche ai fini delle indagini fiscali.

In questo modo, nasce una sorta di enorme database dei beneficiari di prestazioni assistenziali e contributive. I dati saranno consultabili esclusivamente dagli enti locali, dall’INPS, dalla Guardia di Finanza e dall’Agenzia delle Entrate che potranno, così, porre in essere dei controlli incrociati per verificare se i beneficiari abbiano effettivamente diritto alle prestazioni erogate. Insomma: la guerra ai falsi invalidi e alle false pensioni
 entra nel vivo e conta, dalla sua parte, uno strumento informatico di estrema precisione.

Ma la banca dati servirà anche per gestire, programmare e monitorare la spesa previdenziale, nonché effettuare statistiche e studi.

Inoltre, in apposite sezioni separate, saranno trattate le informazioni sulla presa in carico da parte dei servizi sociali di minori non autosufficienti o in condizioni di disagio. Tutto questo, naturalmente, in forma del tutto anonima.


note

[1] Parere n. 26, 23 gennaio 2014, reso noto dalla newsletter del 25 febbraio 2014.

[2] Istituito con l’art. 13, co. 4, d. l. n. 78/2010.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube