Diritto e Fisco | Articoli

Quando si possono sbattere i tappeti in condominio?

14 Marzo 2021
Quando si possono sbattere i tappeti in condominio?

Orari in cui si può fare rumore e far cadere polvere e sporcizia di sotto con il battitappeti: attenzione ai reati. 

Se è vero che non esiste un orario prestabilito dalla legge entro cui si debbano fare le faccende domestiche è anche vero che, tra tutte le attività rivolte alla cura e alla gestione della casa, lo sbattere i tappeti è quella più molesta. Da un lato, infatti, il rumore rischia di disturbare i vicini per via del rimbombo e del ritorno delle onde sonore contro i palazzi attorno; dall’altro lato, la polvere e la sporcizia che si libera dal tappeto cade inevitabilmente verso il basso, pregiudicando sia chi vive ai piani inferiori del medesimo stabile, sia chi si trova a passare per strada in corrispondenza del balcone o della finestra ove si sta facendo pulizia. Ecco perché è normale – ed anche giusto – domandarsi quando si possono sbattere i tappeti in condominio. Non si tratta di un problema da prendere sottogamba: come vedremo a breve, infatti, dall’eventuale violazione degli altrui diritti possono scaturire ben due differenti reati, entrambi procedibili d’ufficio, con conseguente possibilità di denuncia nei confronti del colpevole. Vedremo a breve quali sono questi reati e cosa si può fare contro chi, maleducatamente, si disinteressa degli altri.

Cerchiamo allora di fare il punto della situazione e di comprendere quali sono le norme che regolano la possibilità di sbattere i tappeti in condominio.

Si possono sbattere i tappeti in condominio?

Il primo aspetto da affrontare, tutt’altro che scontato, è se si possono sbattere i tappeti in condominio. La legge non pone un divieto; il limite però potrebbe derivare dal regolamento di condominio. Il regolamento, infatti, ha la possibilità di stabilire uno stop totale a questa attività, a patto però che sia stato approvato all’unanimità. 

Ci sono due modi per approvare all’unanimità un regolamento di condominio: o con votazione in assemblea oppure con approvazione individuale, da parte di tutti i condomini, in sede di acquisto delle singole unità immobiliari, ossia dinanzi al notaio rogante. 

Se nel regolamento non vi sono menzioni allo sbattimento di tappeto o ad attività similari, bisogna fare attenzione a due regole che vedremo qui di seguito.

A che ora si possono sbattere i tappeti in condominio?

La prima regola da rispettare è quella dei rumori: in condominio, non si possono fare rumori superiori alla normale tollerabilità. Lo dice l’articolo 844 del Codice civile, senza però specificare cosa si intenda per «normale tollerabilità». La soglia si ritiene variabile a seconda dell’orario. Sicché, in piena giornata, è sicuramente possibile sbattere i tappeti, in quanto attività necessaria alla gestione della casa. Non è possibile invece farlo nelle prime ore del giorno o al calare della sera, quando la gente riposa. 

Dobbiamo quindi ritenere che, per sbattere i tappeti in condominio (così come per ogni altra faccenda domestica), bisogna rispettare gli stessi orari lavorativi: dalle 8.30 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Molestare i vicini con il rumore del battitappeti significa rischiare una denuncia per disturbo alla quiete pubblica: un reato, come si diceva in apertura, procedibile d’ufficio, per il quale pertanto basta una semplice segnalazione alla polizia o ai carabinieri. 

Si tratta tuttavia di piccole beghe condominiali che, se non assumono i connotati di una vera e propria molestia continuativa, andrebbero risolti a livello privato, eventualmente con un provvedimento del giudice civile che interdica tali attività negli orari destinati al riposo.

Dove si possono sbattere i tappeti in condominio?

Come dicevamo, sbattere i tappeti in condominio comporta sempre la caduta di polvere e sporcizia. Questo comportamento, laddove dia fastidio a chi sta sotto, potrebbe, secondo qualche giudice, integrare il reato di getto di cose pericolose o atte a imbrattare. In verità, la Cassazione sul punto ha dato parere contrario ritenendo che il pulviscolo di un tappeto non può arrecare molestia alle persone. Leggi sul punto “È vietato sbattere i tappeti dal balcone?“.

In ogni caso, sarà sempre meglio – e buona educazione – preferire un luogo per lo sbattimento dei tappeti che non sia in corrispondenza di altri balconi, assicurandosi che nessuno passi sul marciapiedi sottostante.

A questo punto, si potrebbe anche utilizzare il lastrico solare o la terrazza condominiale per svolgere tale attività, trattandosi di aree comuni.


note

[1] Cass. sent. n. 49983/2015 del 09.04.2015; Cass. sent. n. 27625/2012 del 15.05.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Evidentemente i Giudici della Cassazione non abitano in condominio; i tappeti possono trattengono polvere capelli peli, peli di animali se esistenti, avanzi di cibo, ecc.
    Non è sicuramente piacevole riceverli addosso a qualsiasi ora, oltretutto impedendo al condomino sottostante il diritto sacrosanto di tenere aperte le finestre o stare affacciato al balcone a godersi una bella giornata di sole.
    Quindi questa operazione va regolamentata con orari che vanno accettati e rispettati.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube