Diritto e Fisco | Articoli

Congedo papà 2021

14 Marzo 2021 | Autore:
Congedo papà 2021

Congedo di paternità obbligatorio, facoltativo e sostitutivo: le assenze retribuite per il padre lavoratore, durata, retribuzione.

Sale a 10 giorni il congedo obbligatorio di paternità, o meglio il congedo obbligatorio per il padre lavoratore dipendente: si tratta di un beneficio istituito dalla legge Fornero di riforma del mercato del lavoro [1], successivamente ampliato, da ultimo dalla legge di Bilancio 2021 [2].

Questo congedo obbligatorio, detto congedo papà 2021, non deve essere confuso con l’astensione per paternità fruita al posto del congedo obbligatorio per maternità, che normalmente spetta alla lavoratrice madre, salvo casi eccezionali.

È facile confondersi tra le due tipologie di astensione dal lavoro: tuttavia, mentre il congedo di paternità [3] fruito in alternativa all’astensione obbligatoria per maternità, detto congedo di paternità sostitutivo, ha la stessa durata dell’astensione spettante alla lavoratrice madre, il congedo obbligatorio di paternità, o congedo papà, per il 2021 ha una durata pari a soli 10 giorni, più un’ulteriore giornata facoltativa [4].

Ad eccezione della giornata fruibile facoltativamente, l’astensione del padre lavoratore non è alternativa a quella della lavoratrice madre.

Congedo di paternità sostitutivo

Nel dettaglio, per quanto riguarda il congedo di paternità fruibile in sostituzione dell’astensione obbligatoria per maternità, o congedo di paternità sostitutivo, il padre lavoratore ha diritto di assentarsi dal lavoro per tutta la durata del congedo di maternità o per la parte residua che sarebbe spettata alla lavoratrice, se si verifica una delle seguenti situazioni:

  • morte o grave infermità della madre, comprovate da idonea certificazione;
  • abbandono o affidamento esclusivo del bambino al padre, purché egli esibisca copia della sentenza dalla quale risulti una di tali situazioni; l’ipotesi di affidamento esclusivo al padre ricomprende:
    • il riconoscimento da parte di entrambi i genitori e un successivo provvedimento giudiziale di affidamento esclusivo;
    • il caso in cui il padre sia l’unico genitore che abbia riconosciuto il bambino;
  • rinuncia della madre al congedo in caso di adozione o affidamento.

Queste disposizioni si applicano anche qualora la madre sia lavoratrice autonoma avente diritto all’indennità di maternità.

Congedo papà obbligatorio

Il congedo obbligatorio, o congedo papà, introdotto di recente, in via sperimentale, nel nostro ordinamento, è una misura che consente al lavoratore, divenuto padre da poco, di assentarsi col diritto alla retribuzione piena.

Inizialmente, il congedo aveva una durata pari a 2 giorni; è stato progressivamente esteso a 4 giorni nel 2018 (elevabile a 5 in sostituzione della madre, in relazione al periodo di astensione obbligatoria ad essa spettante), sino ad arrivare a 5 giorni per gli eventi occorsi sino al 31 dicembre 2019 (elevabili a 6 in sostituzione della madre, in relazione allo stesso periodo di astensione obbligatoria spettante), a 7 giorni ad opera della legge di Bilancio 2020 ed infine a 10 giorni ad opera della legge di Bilancio 2021.

L’estensione del congedo è la conseguenza del recepimento da parte del Parlamento della direttiva europea [5] in materia di conciliazione tra attività professionale e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza. Nel dettaglio, la direttiva stabilisce che la legislazione di ogni Stato membro preveda 10 giorni di congedo di paternità dopo la nascita di un figlio, da retribuirsi allo stesso modo del congedo per malattia.

Tuttavia, bisogna osservare che la legge di Bilancio 2021 ha prorogato il congedo obbligatorio per il padre lavoratore e ne ha esteso la durata a 10 giorni solo in via provvisoria, per le nascite, le adozioni e gli affidamenti avvenuti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021.

Il diritto all’astensione obbligatoria e non alternativa al congedo della madre per il padre lavoratore, in occasione della nascita di un figlio, non è dunque previsto in via permanente, almeno allo stato attuale, nonostante le disposizioni della direttiva.

La stessa direttiva europea stabilisce che, in alternativa al padre, il congedo di 10 giorni per paternità possa essere goduto anche da un secondo genitore equivalente, se riconosciuto dall’ordinamento nazionale.

Come funziona il congedo obbligatorio papà?

Il congedo obbligatorio per il padre lavoratore, non alternativo al congedo per maternità, deve essere goduto, anche in via non continuativa, entro i 5 mesi dalla nascita del figlio, o dall’ingresso del minore in famiglia, in caso di adozione o affidamento (o dall’ingresso in Italia, in caso di adozione/affidamento internazionale).

La durata di 10 giorni è elevabile a 11 giorni in accordo con la madre, e in sua sostituzione in relazione al periodo di astensione obbligatoria spettante. In parole semplici, il padre lavoratore, oltre a poter fruire di 10 giorni di congedo obbligatorio, anche contemporaneamente alla fruizione del congedo di maternità da parte della madre, può fruire di un’ulteriore giornata di astensione facoltativa, in sostituzione della madre, che deve dunque rinunciare a un giorno di congedo.

In totale, quindi, il padre lavoratore dipendente nel 2021 può beneficiare di un massimo di 11 giorni di congedo, 10 obbligatori e uno facoltativo.

Com’è pagato il congedo obbligatorio papà?

Per il periodo di astensione obbligatoria, il padre lavoratore dipendente ha diritto a un’indennità giornaliera a carico dell’Inps, che ammonta al 100% della retribuzione. Il lavoratore ha anche diritto all’accredito dei contributi figurativi ai fini della pensione, alle stesse condizioni previste per le lavoratrici.

In pratica, il dipendente papà, durante le giornate di assenza, ha il diritto di ricevere lo stipendio e la contribuzione in misura piena, come se si trattasse di normali giornate lavorative.

Sono computate e indennizzate le sole giornate lavorative.

Quando inviare la domanda per il congedo papà?

Come chiarito dall’Inps nella recente circolare in materia [4], il padre lavoratore dipendente deve comunicare al proprio datore di lavoro le date in cui intende usufruire del congedo almeno 15 giorni prima. Se richiesto in concomitanza dell’evento nascita, il preavviso si calcola sulla data presunta del parto.

Sono tenuti a presentare la domanda all’Inps solamente i lavoratori per i quali il pagamento delle indennità è erogato direttamente dall’istituto.

Come compilare la domanda?

La domanda, nella generalità dei casi, è inviata al datore di lavoro, indicando i giorni di fruizione dell’astensione dall’attività. Solo in caso di pagamento diretto da parte dell’Inps, si deve inviare la domanda direttamente all’istituto, utilizzando l’apposito servizio “congedo papà”, raggiungibile, una volta effettuato l’accesso al sito web dell’Inps con le credenziali dispositive (Pin dispositivo, Spid almeno di secondo livello, carta nazionale dei servizi Cns o carta di identità elettronica Cie), attraverso il seguente percorso: Prestazioni e Servizi / Congedo papà (nascita, adozione o affidamento bambino).

In alternativa, il lavoratore può fare la domanda tramite:

  • call center Inps, al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • enti di patronato e intermediari dell’Inps, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Congedo di paternità per morte perinatale del bambino

La legge di bilancio 2021 ha previsto che il congedo obbligatorio e quello facoltativo del padre lavoratore dipendente debba essere riconosciuto anche in caso di morte perinatale del figlio.

Per “periodo di morte perinatale” si considera il periodo compreso tra l’inizio della 28° settimana di gravidanza e i primi 10 giorni di vita del minore; il giorno della nascita è compreso [4].


note

[1] Art.4, Co.24, lett. a), L.92/2012.

[2] Art.1, Co. 363, lett. a), L. 178/2020.

[3] Art. 28 Co. 1 D.lgs. 151/2001.

[4] Circ. Inps 42/2021.

[5] Dir. UE 2019/1158.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube