Diritto e Fisco | Articoli

Si può pignorare una quota di un bene in comproprietà?

27 Marzo 2021
Si può pignorare una quota di un bene in comproprietà?

Il creditore può pignorare un bene in comproprietà (appartamento) se uno solo dei comproprietari è debitore? 

La legge (l’articolo 599 del Codice di procedura civile) consente il pignoramento dei beni indivisi, cioè dei beni attualmente oggetto di comunione anche ereditaria, pure quando non tutti i comproprietari sono obbligati verso il creditore.

Questo tipo di pignoramento prevede che il creditore, dopo aver notificato il pignoramento al debitore (pignoramento della sola quota di proprietà del debitore), notifichi un avviso agli altri comproprietari del bene (non debitori) con cui essi vengono avvertiti che da quel momento è a loro vietato consentire al debitore di separare la sua quota del bene senza ordine del giudice.

L’atto di pignoramento poi, ai sensi dell’articolo 492 del Codice di procedura civile, deve contenere:

  • oltre che l’ingiunzione rivolta al debitore di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito il bene pignorato, e i suoi frutti,
  • anche l’esatto ammontare del credito per cui si procede.

Quindi il creditore potrà sicuramente, se e quando deciderà di pignorare la quota del bene appartenente al debitore, indicare che il pignoramento di essa avviene per tutto il credito che essa vanta nei confronti del debitore.

La procedura di esproprio della quota, condotta dal giudice dell’esecuzione, prevede poi:

  • innanzitutto di tentare di separare materialmente la quota pignorata, cioè di ricavare (separandola materialmente dal resto dell’appartamento) una porzione di appartamento esattamente pari alla quota del debitore per poi procedere alla vendita all’asta soltanto di quella porzione;
  • se la divisione materiale della quota non sarà possibile (e nei casi di appartamenti è quasi sempre impossibile separare una parte di appartamento esattamente pari alla quota del debitore), il giudice può decidere di procedere al giudizio di divisione dell’eredità fra gli eredi (sospendendo nel frattempo la fase di esproprio); realizzata la divisione dell’eredità (anche eventualmente con conguagli in denaro), dovrà essere ripresa la fase di esecuzione e potranno essere messi all’asta i beni che con la divisione sono stati attribuiti al debitore;
  • in alternativa alla divisione giudiziale, il giudice può decidere di mettere all’asta la sola quota indivisa appartenente al debitore (ipotesi improbabile perché economicamente sconveniente).

In qualunque modo avvenga l’espropriazione della quota dell’appartamento, il creditore agirà per ottenere tutto il proprio credito.

Se poi il creditore, dalla vendita all’asta della quota indivisa oppure dalla vendita all’asta dei beni attribuiti al debitore dopo la divisione dell’eredità, dovesse ricavare meno del proprio credito complessivo è chiaro che per recuperare la parte di credito non soddisfatta tenterà di individuare altri beni del debitore da pignorare successivamente (denaro su conti correnti, stipendi, autoveicoli eccetera).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube