Diritto e Fisco | Articoli

Criticare gli altri: fino a quando è lecito e dove invece scatta il reato

2 marzo 2014


Criticare gli altri: fino a quando è lecito e dove invece scatta il reato

> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 marzo 2014



Non bisogna mai sconfinare in gratuiti attacchi alla persona che trascendono dalla vicenda concreta, finendo per ledere l’altrui dignità.

 

È sempre possibile criticare qualcuno, altrimenti la libertà di espressione ne sarebbe totalmente compromessa; ma fin dove tale facoltà può essere esercitata senza che si risolva in un’offesa all’altra persona? Quali sono, in sostanza, i limiti del diritto di critica?

Che la critica non possa spingersi oltre una certa misura è una considerazione intuitiva per chiunque. Ma determinare tali limiti non è sempre facile. Un chiarimento, però, proviene da una sentenza della Cassazione pubblicata una settimana fa [1].

Secondo la Corte, quando si critica qualcuno è sempre necessario non utilizzare espressioni infamanti e inutilmente umilianti che si traducano in una pura aggressione verbale del soggetto criticato. Insomma: critica sì, ma con tranquillità ed un vocabolario civile, senza trascendere nel personale.

Secondo giurisprudenza ormai consolidata, infatti, l’unico limite all’esercizio del diritto di critica è essenzialmente quello del rispetto della dignità altrui. La censura nei confronti dell’operato altrui non può essere una scusa per gratuiti attacchi alla persona ed arbitrarie aggressioni al suo patrimonio morale.

La possibilità di criticare qualcuno, inoltre, tollera anche giudizi aspri sull’operato del destinatario, purché gli stessi si riferiscano solo alla circostanza oggetto della critica, senza trascendere da essa. In parole povere, non è possibile prendere spunto da dette circostante criticabili per sconfinare in attacchi a qualità o modi di essere della persona che prescindono completamente dalla vicenda concreta, assumendo le connotazioni di una valutazione di discredito in termini generali della persona criticata [2].

Per esempio: se si vuole criticare il libro di uno scrittore e il suo modo di scrivere, non gli si potrà attribuire altri aggettivi come “stupido” o “raccomandato”. Se si vuole stigmatizzare l’attività di un politico non gli si potrà dire “corrotto” o “poco di buono”. E così via.

note

[1] Cass. sent. n. 9091/14 del 25.02.2014.

[2] Cass. sent. n. 15060/2011.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Le critiche devono essere sempre supportate da fatti reali. Ad esempio, lo Stato italiano, come altri Stati, che in apparenza combattono il narcotraffico in realtà lo sostengono a piene mani. L’Inghilterra ad esempio imponeva ai laotiani la produzione dell’oppio, pena l’embargo e se non fosse bastato, la guerra. Le banche accettano di buon grado i narcodollari come scrive Marco Della Luna, ecc.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI