Diritto e Fisco | Articoli

Come avere informazioni sulla cassa integrazione?

18 Marzo 2021
Come avere informazioni sulla cassa integrazione?

Il lavoratore il cui orario di lavoro è stato ridotto o sospeso ha diritto a conoscere le modalità applicative dello strumento di integrazione salariale.

Il tuo datore di lavoro ti ha chiamato al telefono e ti ha comunicato che, da domani, sarai messo in cassa integrazione. Non ti sono state date informazioni relative allo strumento di integrazione salariale e ti chiedi come fare per saperne di più.

Nell’ultimo anno, numerose aziende sono state costrette ad accedere agli strumenti di integrazione salariale messi a disposizione dallo Stato per contrastare l’emergenza epidemiologica da Covid-19. Non sempre, tuttavia, i lavoratori sono stati adeguatamente informati e, per questo, in molti si sono chiesti: «Come avere informazioni sulla cassa integrazione?».

La legge non prevede degli specifici obblighi di comunicazione ed informazione da parte delle aziende che accedono agli strumenti di integrazione salariale anche se il dovere di comunicazione può essere considerato parte dei generali doveri di correttezza e buona fede.

Cassa integrazione guadagni: cos’è?

La cassa integrazione guadagni (Cig) è un ammortizzatore sociale a cui possono accedere le imprese che attraversano un temporaneo periodo di crisi che rende necessario sospendere o ridurre l’attività di lavoro dei propri dipendenti. Attraverso la Cig il datore di lavoro può sospendere a zero ore il lavoratore oppure ridurre l’orario di lavoro, ottenendo dunque un risparmio immediato sul costo della risorsa. La cassa integrazione interviene erogando al lavoratore un trattamento economico integrativo pari all’80% della retribuzione persa a causa della sospensione/riduzione dell’attività di lavoro.

Cassa integrazione guadagni: quale procedura?

Per accedere alla cassa integrazione guadagni il datore di lavoro deve seguire un’apposita procedura prevista dalla legge. L’iter di accesso non è uguale per tutti gli strumenti di integrazione salariale. Nel nostro ordinamento, infatti, esistono diverse tipologie di cassa integrazione a seconda del settore in cui opera l’impresa e del numero di dipendenti.

In particolare, la legge [1] prevede le seguenti fattispecie di integrazione salariale:

  • cassa integrazione guadagni ordinaria (Cigo);
  • cassa integrazione guadagni straordinaria (Cigs);
  • fondo di integrazione salariale (Fis);
  • fondi bilaterali o alternativi;
  • cassa integrazione guadagni in deroga (Cigd).

L’accesso alla Cig deve essere, in ogni caso, preceduto da una procedura di informazione e consultazione sindacale con la quale l’azienda rende edotte le rappresentanze sindacali interne o i sindacati provinciali di categoria delle ragioni che rendono necessario l’accesso allo strumento, del numero dei lavoratori coinvolti, della durata della riduzione di orario e della percentuale di integrazione salariale che verrà richiesta.

Una volta esperita la procedura sindacale, il datore di lavoro deve presentare la domanda di accesso alla Cig all’ente competente, ossia, l’Inps oppure il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, a seconda della tipologia di cassa integrazione richiesta.

Cassa integrazione guadagni: chi eroga il trattamento?

Come abbiamo detto, il lavoratore il cui orario di lavoro è stato sospeso o ridotto a causa dell’accesso alla Cig riceverà dall’Inps o dai fondi bilaterali un trattamento economico integrativo della retribuzione persa pari all’80% del trattamento retributivo perduto a causa della sospensione/riduzione dell’orario di lavoro. Tale emolumento, generalmente, viene erogato dal datore di lavoro al dipendente direttamente in busta paga e, successivamente, viene recuperato portando a conguaglio le somme anticipate con gli importi dovuti a titolo di contributi previdenziali.

In alcuni casi, tuttavia, il datore di lavoro può chiedere all’Inps il pagamento diretto della Cig ai lavoratori, fornendo evidenza di particolari criticità che attengono alla liquidità dell’impresa.

Cassa integrazione guadagni: come chiedere informazioni?

La legge, come abbiamo visto, esige che il datore di lavoro fornisca una serie di informazioni al sindacato prima di accedere alla cassa integrazione. Nessuna disposizione, invece, prevede un simile onere di informazione nei confronti del singolo lavoratore.

Tuttavia, anche alla luce dei principi di buona fede e correttezza che devono sempre informare l’esecuzione del rapporto di lavoro, si ritiene che il datore di lavoro, prima di mettere il dipendente in Cig, dovrebbe fornirgli delle informazioni esaustive sulle caratteristiche dello strumento di integrazione salariale e, in particolare, renderlo edotto:

  • della tipologia di Cig utilizzata;
  • della percentuale di riduzione della prestazione di lavoro;
  • dei criteri seguiti per il collocamento in Cig del personale;
  • dell’ammontare del trattamento di integrazione salariale;
  • delle modalità di pagamento della Cig (anticipo o pagamento diretto);
  • della durata della fruizione del beneficio.

In ogni caso, il lavoratore messo in Cig potrà sempre rivolgere all’ufficio del personale del datore di lavoro una richiesta di informazioni ulteriori relative al proprio trattamento economico e normativo durante la collocazione in cassa integrazione.


note

[1] D. Lgs. 148/2015.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube