Diritto e Fisco | Articoli

Appello contro sentenze su opposizioni a sanzione amministrativa: citazione o ricorso?

3 marzo 2014


Appello contro sentenze su opposizioni a sanzione amministrativa: citazione o ricorso?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 3 marzo 2014



Le Sezioni Unite della Cassazione chiariscono gli effetti della riforma del 2011 e specificano quando il secondo grado debba essere introdotto con ricorso o citazione.

Contro le sentenze relative ai giudizi di opposizione a sanzione amministrativa, l’appello va presentato:

1) con citazione se il giudizio di primo grado sia stato iniziato prima dell’entrata in vigore del decreto sulla semplificazione dei riti [1] e cioè prima del 6 ottobre 2011;

2) con ricorso se il giudizio di primo grado sia iniziato dopo il 6 ottobre 2011.

La regola – fissata, qualche giorno fa, dalle Sezioni unite della Cassazione [2] – presenta notevoli ricadute pratiche.

La Suprema Corte ha ricordato come il rito generale ordinario – che va introdotto con citazione prevale sempre su quelli speciali: e ciò tanto in primo grado quanto in secondo. Ma, ovviamente, a condizione che non intervenga una norma di legge a derogare tale principio. Ciò è avvenuto nel 2011, con il decreto sulla semplificazione dei riti. Pertanto, per le cause iniziate prima del 6 ottobre 2011, l’appello nei giudizi di opposizione a sanzioni amministrative devono continuare a svolgersi con citazione [3].

note

[1] Dlgs 150/2011.

[2] Cass. sent. n. 2907/2014.

[3] Cass. sent. n. 5826/2011, 2430/2012 e 3058/2012.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI