Riscossione e ricorsi contro cartelle esattoriali: la “blocca Equitalia” in vigore da ieri

4 marzo 2014


Riscossione e ricorsi contro cartelle esattoriali: la “blocca Equitalia” in vigore da ieri

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 marzo 2014



Sono operative da ieri le nuove regole che prevedono, tra l’altro, la sospensione dell’attività di riscossione di Equitalia durante l’intero procedimento di mediazione tributaria; se manca l’avviso bonario sanzioni ridotte già dal reclamo.

 

Per tutti gli atti fiscali notificati a partire da ieri, 3 marzo 2014 [1], si applicano le nuove regole introdotte con l’ultima legge di Stabilità [2] (leggi l’articolo: “Riscossione di Equitalia sospesa in caso di mediazione”).

Ecco, in estrema sintesi, cosa cambia con le nuove norme.

1. Sospesa l’esecuzione forzata di Equitalia durante il reclamo

Durante la fase di “reclamo e mediazione tributaria” – attività che il contribuente è obbligato a svolgere preventivamente se intende fare ricorso contro determinati atti del fisco (per approfondimento leggi: “Reclamo e proposta di mediazione: come risolvere contestazioni con il fisco”) – Equitalia non potrà più procedere a riscossione ed esecuzione forzata. In pratica, ogni azione di esecuzione rimane sospesa in attesa che si concluda la fase di mediazione. Ecco perché la norma è stata anche battezzata “blocca Equitalia”. In questo modo si evita che il contribuente possa essere oggetto di espropriazioni o ipoteche in una fase durante la quale non avrebbe la possibilità di chiedere sospensive al giudice.

Equitalia potrà tornare in possesso dei suoi poteri di riscossione fino alla costituzione in giudizio (cioè con il deposito del ricorso presso la Commissione Tributaria); ciò perché, in tale fase, spetterà al giudice decidere se accordare o meno, al contribuente, la sospensione dell’esecutività dell’atto impugnato.

Insomma, fare ricorso non sarà più così rischioso come lo era in passato perché durante quella fase di (necessaria) incertezza dovuta all’attesa della mediazione, Equitalia non potrà più agire nei confronti del contribuente. Lo potrà fare una volta terminata detta attività, ossia con il deposito del ricorso presso la Commissione. Ma per quel momento, il ricorrente potrà chiedere un provvedimento di sospensiva al giudice.

2. La mancata mediazione non rende inammissibile il ricorso

Qualora il contribuente si opponga alla cartella esattoriale, ma dimentichi – laddove obbligatorio – di presentare prima il tentativo di mediazione, il ricorso non è più (come in precedenza) inammissibile (il che, un tempo, comportava il rigetto del ricorso stesso), bensì è semplicemente dichiarato improcedibile; in pratica, la differenza è che ora nulla è perduto e il contribuente potrà fare “un passo indietro” e presentare la richiesta di mediazione tributaria.

Il cambio di prospettiva è notevole perché si risolve in un indiscutibile vantaggio per il ricorrente: infatti, eventuali errori in tal senso non comporteranno più, come in precedenza, la perdita del diritto di difesa da parte del contribuente.

3. I termini si sospendono durante le ferie

Dal primo agosto al 15 settembre tutti i termini per le mediazioni si sospendono, così come nella gran parte delle cause presso il tribunale ordinario.

4. Eliminazione di interessi e sanzioni

La norma prevede, infine, l’eliminazione di interessi e sanzioni sui contributi previdenziali e assistenziali calcolati sull’imponibile “mediato”.

In precedenza gli enti previdenziali emettevano appositi avvisi di addebito per queste somme.

note

[1] Rileva il momento in cui la notifica si perfeziona per il destinatario. Ne consegue che, nel caso di un atto notificato a mezzo posta prima di questa data, ma ricevuto dal contribuente successivamente, si applicano già le nuove norme

[2] Legge 147/2014.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. 4. Eliminazione di interessi e sanzioni

    La norma prevede, infine, l’eliminazione di interessi e sanzioni sui contributi previdenziali e assistenziali calcolati sull’imponibile “mediato”.

    In precedenza gli enti previdenziali emettevano appositi avvisi di addebito per queste somme.

    Buongiorno, oltre a farvi i complimenti per il vostro servizio sempre utile per noi ignoranti cittadini, volevo chiedervi una cosa:
    in merito al punto che ho copiato qui sopra abbiamo avviato la rateizzazione a Equitalia per dei contributi inps non pagati….ci deve ancora arrivare la pratica. Da quel che ho capito non devono essere addebitati interessi? E nel caso la regola parte dal 4.3 o riguarda anche pratiche fatte a febbraio?
    Vi ringrazio anticipatamente e saluto.
    A. Calvo

  2. vorrei sapere quandole amministrazioni pubbliche e simili non pagano ci si puo rivolgersi a equitalia per la riscossione con le stesse modalita ……sequestro multe e interessi da strozzino

  3. buongiorno, Vi ringrazio per il Vostro servizio e chiedo i lumi su multe autovelox dove non ho mai ricevuto notizia prima e mi arrivano ora richieste di pagamento riguardanti agosto, settembre e dicembre 2012 oltre a multa per omessa comunicazione dati conducente.
    Se non ho mai ricevuto notizia prima ed entro i 90 gg. come da Voi indicato le multe sono nulle? Ho appurato successivamente, tramite il contact center dei Corpo di Polizia Locale, che il limite di velocità di 80km in quel tratto di superstrada è stato elevato a 100km, dopo contestazioni per la posizione dell’autovelox e avviso in posizione non visibile dagli automobilisti? Non ho prestato molta attenzione quando è stata data informazione dopo svariate segnalazioni a “Striscia la notizia”, anche perché non pensavo di essere incorsa in una infrazione del genere.
    Ve la vedete Voi una pensionata 66enne che non rispetta il limite di velocità e che in quella superstrada ci andava a fare benzina per risparmiare.
    Alla faccia del risparmio!
    Attendo con impazienza il Vostro parere ed eventualmente cosa devo fare. Grazie.

  4. e chi deve avere da tre anni con sentenza del tribunale e equitalia non risarcisce quello che ha pignorato?????????

  5. 5 maggio 2006 mi e pervenuto un pagamento per controlli,che hanno fatto
    di circa 64.000.00dopo sette anni e valido.in più hofattol’autotutela e non ho avuto nessuna risposta,ma mi hanno rimandato una cartella dicendomi di pagare entro 30 giorni, o provedono all’impoteca sui beni grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI