Diritto e Fisco | Editoriale

Al testimone del processo nessun permesso retribuito

4 Marzo 2014
Al testimone del processo nessun permesso retribuito

Un lavoratore dipendente viene chiamato dal tribunale come testimone in una causa non legata al rapporto di lavoro, ma di terzi; il datore non concede alcun permesso, in quanto non previsto dal contratto collettivo; mi sembra assurdo che il lavoratore, per adempiere a un preciso dovere, sia costretto a prendere ore di permesso a suo carico.  

Si premette che rendere testimonianza in un processo rappresenta un preciso dovere civico: il Codice di procedura civile [1], che si occupa della prova testimoniale, prevede addirittura l’accompagnamento coattivo del teste che non si presenti in giudizio.

In generale, il datore di lavoro ha quindi il dovere di lasciare che il lavoratore adempia un tale dovere civico; non è però obbligato a computare le ore di assenza nella retribuzione.

Se nel contratto collettivo del credito non è prevista la chiamata a testimoniare come motivo di concessione di un permesso retribuito, tuttavia capita spesso che vi sia la possibilità di usufruire di brevi permessi retribuiti per “giustificati motivi personali”. È dubbio che si possa includere la testimonianza in un processo tra questi motivi. Qualora non fosse accoglibile la sopra indicata tesi, il datore avrebbe comunque l’obbligo di lasciare che il dipendente vada a testimoniare.


note

[1] Art. 255 cod. proc. civ.

Autore immagine: 123rf.com


4 Commenti

  1. Ma il lavoratore deve chiedere un giorno di ferie? o quel giorno può essere giustificato con un certificato del giudice?

    1. Casi limite o quisquilie si dirà, ma alla fine dei conti, in ogni codice di ogni paese qualcuno paga e qualcuno ride. Amen.

  2. a me il giudice ha lasciato un certificato giustificatico , ma il mio datore di lavoro mi ha fatto comunque prendere le ferie
    se mi ricapita che mi citano come testimone cercherò di non andare
    se mi devo rpendere le ferie per testimoniare non lo trovo giusto

  3. L’assurdo è che come è successo a me, mi son fatto 370 km di macchina (mezzi pubblici in sciopero) ho dovuto dormire la (dato che in tribunale dovevo essere la alle 9 di mattina) e tanto per darmi il colpo di grazia mi ritrovo ad aver perso 8 ore di lavoro (8 ore di permessi persi che avrei potuto usufruire veramente) e pure un sacco di tempo perso della mia vita che nessuno mi ripagherà…. morale della favola?
    -se vieni truffato perdi dei soldi e denunci
    -ti chiamano per testimoniare ciò che hai già detto ai carabinieri e spendi soldi (probabilmente di più di quelli che hai perso con la truffa
    -chi ti ha truffato risulterà nulla attenente e quindi non vedrai mai un euro indietro…. che ben!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube