Cronaca | News

Pasqua: le regole per i genitori separati o divorziati

22 Marzo 2021 | Autore:
Pasqua: le regole per i genitori separati o divorziati

La possibilità di andare a trovare i figli minori e di portarseli a casa. Quali sono i limiti che impediscono le visite.

Genitori separati o divorziati potranno incontrare i figli minorenni con cui non convivono anche durante il periodo di Pasqua, giorni in cui sarà in vigore un lockdown duro in tutta Italia simile a quello vissuto a Natale. Ciò non significa, però, che chi non abita più con i suoi ragazzi a causa di una separazione o di un divorzio possa muoversi liberamente, ovunque e quando gli pare: ci saranno, comunque, delle regole da rispettare, contenute sia nell’ultimo decreto legge anti-Covid sia nel Dpcm in vigore fino a dopo Pasquetta.

Va ricordato, innanzitutto, che già in questi giorni prima di Pasqua sono sparite in tutto il Paese sia la zona bianca, che interessava fino a settimana scorsa la Sardegna, sia le zone gialle. In arancione e in rosso, come ormai noto, c’è il divieto di uscire dal proprio Comune se non per motivi di salute, di lavoro o di comprovata necessità. Lo stesso vale per le festività del 3, 4 e 5 aprile, cioè per Sabato Santo, Pasqua e Lunedì dell’Angelo.

Ebbene, tra quei motivi di «comprovata necessità» che consentono gli spostamenti fuori dal proprio Comune c’è la visita dei genitori separati o divorziati ai figli minorenni anche nelle zone rosse. Il Governo, infatti, tramite le Faq che riguardano le norme anti-Covid pubblicate sul suo sito, conferma il diritto dei minori a mantenere rapporti significativi con il genitore con cui non abitano.

La possibilità per il padre o per la madre di andare a trovare i loro ragazzi comprende anche la mobilità tra regioni diverse, indipendentemente dal colore. I genitori che non abitano con i figli possono anche portarseli a casa per un periodo di tempo, se così è deciso dagli ex coniugi.

In ogni caso, sarà necessaria l’autocertificazione per giustificare gli spostamenti.

E fin qui, quello che si può fare. Dopodiché, c’è qualche limite. Il Governo chiede ai genitori separati o divorziati di non approfittare dello spostamento per andare a trovare i figli non conviventi per farsi una gita fuori porta. In sostanza, per raggiungere i ragazzi, i genitori dovranno compiere il tragitto più breve fra entrambe le abitazioni. Chi, ad esempio, per andare da Milano a Roma, passerà dall’Alto Adige verrà multato.

Inoltre, è necessario rispettare le prescrizioni sanitarie. Ad esempio, se il figlio deve rimanere in isolamento nella sua abitazione perché è stato a contatto con una persona positiva al coronavirus oppure è sottoposto a quarantena, il ragazzo non potrà muoversi da casa sua. Sia perché la misura sanitaria prevale sulle regole che riguardano le visite dei genitori, sia perché andare in giro quando si deve stare a casa in quarantena significa violare una regola, con le conseguenze che ciò potrebbe avere in futuro sulla competenza genitoriale. Vale lo stesso se sono il padre o la madre a trovarsi in quarantena: dovranno rinunciare alla visita senza che nessuno possa rinfacciargli nulla riguardo i suoi obblighi verso il minore.

Occorre, inoltre, osservare scrupolosamente le modalità per le visite che sono state stabilite dal giudice con i provvedimenti di separazione o di divorzio. In assenza di un provvedimento del genere, bisognerà attenersi all’accordo raggiunto tra gli ex coniugi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Chi come me che abita in un altra regione ed ha i figli maggiorenni anche se da sei mesi e’ dal15 dicembre che non puo’ vederli..piu’ di 4 mesi.chi fa questi decreti sicuramente non e’ nelle mie condizioni…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube