Diritto e Fisco | Articoli

“Carcere duro” senza tv?

20 Gennaio 2012
“Carcere duro” senza tv?

Sarà la Corte Costituzionale a decidere se un detenuto sottoposto al regime del 41bis  possa guardare alcuni canali tv in chiaro.

Sembra che la malavita abbia trovato il modo di comunicare con i detenuti: mediante l’invio di messaggi sms pubblicati da alcune trasmissioni tv.

Alla luce di ciò, il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria (DAP), onde prevenire contatti tra il reo e l’organizzazione criminale di provenienza, aveva disposto l’oscuramento parziale di alcuni canali nei confronti di un detenuto di Rebibbia sottoposto al 41bis [1].

Affermando che tale pericolo non ricorresse per i programmi di “Rai Storia” e “Rai Sport”, il detenuto aveva richiesto di poter visionare tali emittenti. Se il magistrato di sorveglianza aveva accolto la richiesta, ritenendo la limitazione al diritto costituzionalmente garantito all’informazione non supportata da adeguata motivazione, il ministero non aveva eseguito il provvedimento.

Da qui il contenzioso che, a breve, verrà definito dalla Consulta.

 


note

[1] Si tratta del cosiddetto “carcere duro”, previsto per i reati di criminalità organizzata.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube