Politica | News

Pd: la svolta di Letta

23 Marzo 2021 | Autore:
Pd: la svolta di Letta

Il segretario del Partito Democratico ottiene l’accordo sui capigruppo: sì a una donna. Marcucci dal Senato: niente imposizioni. Domani, l’incontro con Conte.

Tra sorrisi sinceri ed altri di circostanza, il dibattito all’interno del Partito Democratico del neosegretario Enrico Letta è centrato in questi giorni su un solo argomento: le quote rosa. Letta ha già chiesto e ottenuto che uno dei due capigruppo in Parlamento ceda il suo posto a una donna: con fare cavalleresco da vero gentiluomo, il presidente dei deputati, Graziano Delrio, si è fatto da parte. Al suo posto, ci sarà una donna, ancora da nominare. «Ma chiunque sia – ha tenuto a premettere il segretario dem – sarà la migliore, perché rispetto l’autonomia del gruppo parlamentare». Applaudono il gesto di Delrio i colleghi di partito. Che restano al loro posto.

Davanti all’Assemblea dei deputati del Pd, questa mattina Letta è stato perentorio: «Se condividiamo questa ambizione di giocare una simile partita in Europa – ha detto – non possiamo accettare di avere tutti uomini ai nostri vertici. In Europa la questione di genere è cruciale. La diversità rende più credibili, moderne, innovative le classi dirigenti». Qualche ora prima, Letta aveva confermato al vertice del Coordinamento nazionale dei sindaci del partito il primo cittadino di Pesaro, Matteo Ricci.

L’altro capogruppo, quello al Senato, non nega la necessità di affrontare il tema delle quote rosa, ma a certe condizioni. Andrea Marcucci non ha lasciato – e non ha annunciato di volerlo fare – la presidenza del gruppo Pd a Palazzo Madama. Piuttosto, ha preso carta e penna ed ha scritto una lettera al suo segretario per dirgli tante cose tra cui, appunto, quella che riguarda le donne: «Voglio dire, caro segretario, che in questo gruppo parlamentare crediamo che la questione dell’alternanza di genere sia fondamentale per il nostro partito. Crediamo anche che oltre gli atti simbolici, che pur a volte sono necessari, serva allargare il campo alle prossime elezioni amministrative, si vota in 8 importanti città, ai tanti luoghi dove un Pd declinato troppo al maschile, esercita funzioni di governo, e non ultimo nelle cariche apicali del partito, dove per troppi anni le donne non sono state protagoniste». A momenti, sembra che Marcucci abbia voluto dire: «Perché al tuo posto non c’è una donna?». Il politico toscano, insomma, non vuole «imposizioni strumentali»: se ci si deve fare da parte, sarà perché lo decidiamo noi, non perché qualcuno ci indica la porta da cui uscire. Ecco la sua riflessione.

Letta, intanto, si concentra su altre questioni. E comincia a tessere la tela di quella che lui stesso chiama «un’alleanza larga» da proporre all’elettorato come alternativa al centrodestra. Oggi, il segretario del Pd ha incontrato il ministro della Salute ed esponente di Liberi e Uguali, Roberto Speranza, «con l’amicizia e la cordialità di sempre. Campagna di vaccinazioni, rapporti con le Regioni e uscita dalla pandemia al centro delle riflessioni. E un punto di intesa importante – ha svelato Letta – sul fatto che dobbiamo ragionare politicamente insieme sul nostro futuro».

Ma l’appuntamento più atteso è quello fissato per domani con il nuovo leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte. Due ex presidenti del Consiglio mandati a casa da Matteo Renzi che ora tornano prepotentemente sulla scena politica. L’intenzione di Letta, ovviamente, è quella di saldare un’alleanza a tre con Pd, M5S e Leu, lasciando fuori «l’innominabile», il capo di Italia Viva.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube