Diritto e Fisco | Articoli

Marito diventa ricco dopo il divorzio: nulla deve alla ex moglie

6 Marzo 2014
Marito diventa ricco dopo il divorzio: nulla deve alla ex moglie

Mantenimento invariato se i miglioramenti delle condizioni economiche del marito dipendono da eventi autonomi ed eccezionali rispetto all’attività svolta durante il matrimonio.

Se il marito migliora la propria condizione economica e vede crescere improvvisamente il proprio reddito dopo la sentenza di divorzio non sempre la moglie ha diritto a ottenere un aumento dell’assegno di mantenimento. Infatti, quando l’incremento dei guadagni dell’uomo dipende da eventi autonomi ed eccezionali rispetto all’attività da questi svolta durante il matrimonio, allora nulla è dovuto alla ex. Diversamente, se le mutate condizioni economiche costituiscono naturali e prevedibili sviluppi del lavoro esercitato nel corso del matrimonio, allora la donna ha diritto a un aumento del mantenimento.

Lo ha precisato ieri la Cassazione [1].

Per verificare se accettare o meno la richiesta di aumento dell’assegno di mantenimento, il giudice deve verificare se il valore delle attività della parte onerata al versamento costituisce uno sviluppo naturale e prevedibile dell’attività da essa svolta durante il matrimonio.

In particolare, nella determinazione dell’assegno divorzile bisogna tenere conto soltanto dei miglioramenti della situazione economica del coniuge che sono sviluppi naturali e prevedibili dell’attività svolta durante il matrimonio. Al contrario, non possono essere valutati quei miglioramenti che scaturiscono da eventi autonomi, non collegati alla situazione di fatto e alle aspettative maturate nel corso del matrimonio e aventi carattere di eccezionalità: in pratica tutti quegli eventi connessi a circostanze del  tutto occasionali ed imprevedibili.


note

[1] Cass. sent. n. 5132 del 5.03.2014.

Autore immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube