Diritto e Fisco | Articoli

Supplemento di pensione: cos’è e come funziona

1 Agosto 2021 | Autore:
Supplemento di pensione: cos’è e come funziona

Incremento della pensione di vecchiaia, anticipata, di anzianità per il pensionato che continua a lavorare: quando spetta, come si calcola.

Dal 2009 [1], è stato abolito il divieto di cumulare la pensione con i redditi derivanti dall’attività lavorativa: particolari limiti di cumulo permangono solo per alcuni trattamenti (pensione quota 100, precoci, trattamenti di invalidità e inabilità, reversibilità) o per le integrazioni della pensione (integrazione al minimo, maggiorazione sociale, incremento al milione). Il pensionato che continua a lavorare è però obbligato al versamento dei contributi previdenziali: ci si domanda come questi contributi possano essere utili al trattamento pensionistico, dal momento che risulta già liquidato. I nuovi contributi possono comunque incrementare l’importo del trattamento in godimento, attraverso la liquidazione di un supplemento di pensione: cos’è e come funziona?

Il supplemento di pensione [2] costituisce una rendita aggiuntiva, il cui diritto sorge per il versamento di contributi accreditati dopo il pensionamento, in virtù dello svolgimento di una nuova attività lavorativa. Questa rendita aggiuntiva non è separata dalla pensione principale, come se fosse un trattamento a parte, ma ne costituisce parte integrante, sommandosi all’assegno pensionistico dalla data di decorrenza del supplemento stesso.

In pratica, qualora l’accredito di nuovi contributi avviene nella stessa forma assicurativa che eroga il trattamento di pensione, il lavoratore può utilizzare i contributi versati dopo il pensionamento per la liquidazione di un supplemento. Questi contributi incrementano la pensione in base alla loro entità.

Non bisogna confondere il supplemento con la pensione supplementare: quest’ultimo è il trattamento che si ottiene qualora, dopo il pensionamento, si versino nuovi contributi presso una forma assicurativa diversa. La pensione supplementare è una prestazione economica differente rispetto alla pensione “principale”, non un incremento della pensione già liquidata come il supplemento.

Supplemento e ricostituzione della pensione

Il supplemento non deve essere nemmeno confuso con la ricostituzione della pensione: questa è infatti un’operazione di ricalcolo del trattamento originale, che si può effettuare per motivi reddituali (se la pensione è cumulabile limitatamente con altri redditi, o se è integrata) o per motivi contributivi.

La ricostituzione per motivi contributivi si deve effettuare se i contributi sono accreditati nella stessa gestione previdenziale che eroga la pensione, ma collocati in data antecedente alla decorrenza del trattamento: in tale ipotesi, l’acquisizione tardiva non dà luogo a un supplemento di pensione, ma al ricalcolo, o ricostituzione, del trattamento. Lo stesso avviene in relazione al riconoscimento successivo al pensionamento di contributi figurativi o da riscatto.

Supplemento di pensione per i lavoratori dipendenti e autonomi

Per ottenere il supplemento di pensione, il pensionato presso il Fondo pensione dei lavoratori dipendenti non deve per forza reimpiegarsi in qualità di lavoratore subordinato e versare nuovi contributi presso il Fondo, ma può anche iniziare o proseguire un’attività che comporti l’iscrizione presso una delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni- mezzadri).

In qualità di lavoratore autonomo iscritto presso una gestione speciale Inps, l’interessato beneficia della copertura contributiva presso la stessa forma assicurativa presso la quale è titolare di pensione, ossia L’Assicurazione generale obbligatoria (Ago).

La forma assicurativa comprende:

  • il Fondo pensione dei lavoratori dipendenti Fpld;
  • la gestione degli artigiani;
  • la gestione dei commercianti;
  • le gestioni dei coltivatori diretti/ imprenditori agricoli professionali, coloni e mezzadri;
  • alcuni fondi esonerativi (per approfondire: Gestioni amministrate dall’Inps).

Il pensionato ex lavoratore dipendente iscritto al Fpld che inizi ad esercitare un’attività autonoma con iscrizione alle gestioni speciali dell’Inps e il pensionato artigiano, commerciante o agricolo che sia assunto come subordinato ed iscritto al Fpld possono beneficiare del supplemento di pensione. A maggior ragione, il diritto al supplemento sussiste per il pensionato lavoratore subordinato che sia reimpiegato come dipendente o per l’autonomo che prosegua l’attività o inizi una nuova attività in proprio.

Quando è calcolato il supplemento?

I contributi versati dopo il pensionamento nell’Assicurazione generale obbligatoria, sia nelle gestioni speciali dei lavoratori autonomi che presso il Fondo dipendenti, sono utilizzabili per la liquidazione del supplemento trascorsi 5 anni dalla data di decorrenza della pensione o di un precedente supplemento. In altri termini, il supplemento può essere erogato solo dopo 5 anni.

Tuttavia, per una sola volta, il supplemento può essere chiesto dopo 2 anni dalla decorrenza della pensione o dal precedente supplemento, a condizione che il pensionato abbia già compiuto l’età pensionabile.

Se l’interessato è pensionato presso il Fondo dipendenti, va evidenziato che gli eventuali contributi versati nelle gestioni dei lavoratori autonomi Inps prima o dopo la decorrenza della pensione liquidata a carico del Fondo stesso risultano utili per un supplemento, purché l’interessato abbia compiuto l’età per la pensione di vecchiaia richiesta presso la gestione (attualmente, l’età pensionabile è stata unificata per i dipendenti ed i lavoratori autonomi iscritti alle gestioni Inps ed è pari a 67 anni).

Qualora l’interessato abbia già usufruito dopo due anni di un supplemento per contributi da dipendente, non può avvalersi della stessa facoltà per i contributi della gestione autonoma e deve attendere il decorso del normale periodo di cinque anni.

Com’è calcolato il supplemento?

Per il calcolo del supplemento di pensione presso il Fondo dipendenti si utilizza lo stesso sistema adottato per la pensione principale. Ricordiamo che la pensione, presso la generalità delle gestioni Inps, è calcolata:

  • col sistema retributivo sino al 31 dicembre 2011, basato sugli ultimi redditi e sulle settimane contribuite risultanti entro specifici archi di tempo, per chi possiede almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995;
  • col sistema retributivo sino al 31 dicembre 1995, per chi possiede meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995;
  • col sistema contributivo, basato sui versamenti accreditati e sull’età pensionabile, dal 1° gennaio 2012 per chi possiede almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995, dal 1° gennaio 1996 per gli altri contribuenti; è possibile optare per il calcolo integralmente contributivo avvalendosi della cosiddetta opzione contributiva Dini, o dell’opzione Donna, nonché in alcune ipotesi di totalizzazione e richiedendo il computo presso la gestione Separata (in quest’ultimo caso, però, tutti i contributi confluiscono presso la gestione Separata Inps).

In merito alla determinazione dell’importo del supplemento, sono presi in considerazione, relativamente al calcolo retributivo, le retribuzioni e i periodi contributivi che si collocano tra la data di decorrenza della pensione, o del precedente supplemento, e quella del supplemento da liquidare.

Al supplemento non si applicano limiti di importo, in quanto sia le retribuzioni, sia i periodi contribuiti, sono considerati integralmente. Di conseguenza, l’importo del supplemento si somma comunque alla pensione retributiva, anche se questa è stata liquidata in base alle regole che stabilivano la valutazione di un’anzianità contributiva massima pari a 40 anni di contribuzione.

Integrazione al minimo del supplemento

Non sempre dalla liquidazione del supplemento deriva un effettivo incremento della pensione: l’importo si aggiunge infatti all’ammontare del trattamento non integrato al minimo (pari a 515,28 euro mensili per il 2021).

Di conseguenza, se il supplemento è di importo inferiore all’integrazione al minimo, ne viene interamente assorbito e la pensione resta integrata al trattamento minimo.

La pensione lorda di Carla è pari a 350 euro mensili, ma, essendo integrata al minimo, di fatto ammonta a 515,58 euro. Il supplemento liquidato è pari a 100 euro. La pensione, con l’aggiunta del supplemento, diventa pari a 450 euro mensili. Continuandosi, però, ad applicare l’integrazione al minimo, l’assegno mensile Inps non cambia e continua ad essere pari a 515,58 euro.

Se il supplemento è di importo superiore all’integrazione al minimo, la pensione ha un incremento effettivo pari alla differenza tra il supplemento e l’integrazione.

La pensione lorda di Rossella è pari a 350 euro mensili, ma, essendo integrata al minimo, nel concreto ammonta a 515,58 euro. Il supplemento liquidato è pari a 200 euro. La pensione, con l’aggiunta del supplemento, diventa pari a 550 euro mensili. Il supplemento non si aggiunge quindi alla pensione integrata al minimo, cioè ai 515,58 euro, ma al trattamento lordo, ossia ai 350 euro. L’assegno mensile Inps viene dunque incrementato di soli 34,42 euro al mese.

Domanda di supplemento

Il supplemento non è concesso automaticamente, ma presentando un’apposita domanda all’Inps. Stante la maturazione del supplemento, la decorrenza dell’importo aggiuntivo è il primo giorno del mese successivo alla data della richiesta.

La domanda può essere presentata, oltreché tramite patronato o call center Inps (raggiungibile al numero 803.164 o 06.164.164 per chi chiama da cellulare), seguendo il percorso, all’interno del sito Inps: “Prestazioni e Servizi”, “Supplemento di pensione per pensionati che continuano a lavorare”. Si viene di seguito indirizzati al servizio desktop: “Domanda di Prestazioni pensionistiche: Pensione, Ricostituzione, Ratei maturati e non riscossi, Certificazione del diritto a pensione”.


note

[1] L. 113/2008.

[2] Art. 7 L. 155/1981.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube