Diritto e Fisco | Articoli

Possibile il link ad altri siti anche se l’utente ha l’impressione che la pagina sia la stessa

9 Marzo 2014
Possibile il link ad altri siti anche se l’utente ha l’impressione che la pagina sia la stessa

Sul mio sito ho inserito dei link a siti terzi, a cui non ho mai chiesto l’autorizzazione, e le cui pagine si aprono in box dove l’utente non ha la percezione di atterrare su un altra pagina: mi chiedo se questo sia legale o meno.

La questione è stata affrontata di recente dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea [1]. Secondo i giudici comunitari, il proprietario di un sito Internet può rinviare, tramite link, ad opere protette disponibili in accesso libero su un altro sito, senza l’autorizzazione dei titolari dei relativi diritti d’autore. In pratica, è possibile richiamare le pagine di un blog, portale o sito di terzi senza che questi prestino necessariamente il proprio consenso. E ciò vale anche qualora i visitatori Internet che clicchino sul link abbiano l’impressione che l’opera venga loro mostrata dallo stesso sito contenente il link. L’unica condizione perché ciò possa avvenire in modo lecito è che il sito terzo sia aperto liberamente al pubblico e non presenti restrizioni di sorta come, per es., l’accesso tramite autenticazione, password, abbonamenti, ecc. (per un approfondimento sul tema leggi l’articolo: “Lecito inserire il link a un altro sito o va chiesta l’autorizzazione?”).

L’unico problema che potrebbe essere mosso dal titolare del sito terzo è l’eventuale perdita di visibilità dei relativi banner pubblicitari. Non vi è dubbio, infatti, che la visualizzazione in “full screen” consenta una migliore visualizzazione anche degli inserti, mentre invece gli stessi ne risulterebbero compressi all’interno di un box dedicato. E non vi è dubbio che i predetti banner costituiscono una remunerazione per l’autore del blog o del portale internet linkato. Una visibilità più ridotta potrebbe, infatti, portare una riduzione di guadagni per il sito terzo.


note

[1] C. Giust. UE sent. n. 466 del 13.02.2014.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube