Diritto e Fisco | Articoli

Giornalismo di denuncia: l’indagine non è diffamazione se…

25 Maggio 2014
Giornalismo di denuncia: l’indagine non è diffamazione se…

Le inchieste del giornalista, benché non riguardanti fatti di cronaca, sono coperte da tutela costituzionale quando tocchino temi di particolare interesse generale: pertanto non c’è diffamazione nel caso di denuncia di sospetti illeciti.

Una delle funzioni privilegiate del giornalismo è quello dell’inchiesta sociale, specie quando da essa possano sorgere vere e proprie indagini su sospetti illeciti. Ma fin dove le convinzioni personali del giornalista possono spingersi nel denunciare pubblicamente “fatti torbidi”, senza perciò rischiare una denuncia per diffamazione?

A spiegarlo è una importante sentenza della Corte di Cassazione di circa un anno fa [1].

Il giornalismo di denuncia – sottolinea la Suprema Corte – è tutelato dal principio costituzionale in materia di diritto alla libera manifestazione del pensiero a condizione che sussista l’interesse pubblico all’oggetto dell’indagine giornalistica.

Infatti, sebbene una delle condizioni perché la stampa possa considerarsi lecita è quella dell’attualità della notizia (che quindi attiene ai fatti di cronaca), la collettività ha comunque il diritto a essere informata anche sui temi sociali di particolare rilievo attinenti alla libertà, alla sicurezza, alla salute e agli altri diritti di interesse generale.

In questa prospettiva, non può considerarsi colpevole il giornalista che eserciti la propria attività mediante la denuncia di sospetti di illeciti, quando tali sospetti – secondo quanto ritenuto, caso per caso, dal giudice –  non siano obiettivamente del tutto assurdi. Al contrario, essi devono essere espressi in modo motivato e argomentato sulla base di elementi obiettivi e rilevanti.

La denuncia in forma dubitativa di “situazioni oscure” non è diffamazione ma diritto di critica del giornalista d’inchiesta che non deve essere soggetto a censura a priori.

Tranne nell’ipotesi, dunque, in cui il sospetto sia obiettivamente assurdo e sempre che sussista anche l’interesse pubblico all’indagine giornalistica, l’operato del giornalista è sempre tutelato dal diritto di espressione del pensiero.

Pretendere a priori una censura per il giornalismo di denuncia di sospetti di illeciti significherebbe annullare il concetto stesso di sospetto e di giornalismo di inchiesta.


note

[1] Cass. sent. n. 9337 del 27.02.2013.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube