Diritto e Fisco | Articoli

Congedo legge 104 disoccupati

3 Agosto 2021 | Autore:
Congedo legge 104 disoccupati

Il dipendente il cui rapporto di lavoro è cessato ha diritto al congedo straordinario per l’assistenza di disabili e alla relativa indennità?

La legge [1], per tutelare il diritto alle cure dei portatori di handicap in situazione di gravità, riconosce ai lavoratori la possibilità di beneficiare di un congedo retribuito, sino a un massimo di 2 anni nella vita lavorativa, per assistere un familiare con grave disabilità: si tratta del cosiddetto congedo straordinario legge 104. Ci si domanda se il diritto a questo congedo ed alla relativa indennità spetti anche dopo che il rapporto di lavoro sia cessato: in merito al congedo legge 104 disoccupati, importanti chiarimenti sono pervenuti dal ministero del Lavoro [2]. Il Ministero, in particolare, spiega quali sono le conseguenze, sul diritto al congedo, della sospensione e della cessazione del rapporto di lavoro.

In merito al congedo straordinario, è innanzitutto importare tener presente che il licenziamento durante il periodo di assenza non è vietato, ma, come chiarito dalla Cassazione [3], il divieto sussiste soltanto se è basato sulla fruizione del congedo stesso.

In altre parole, durante il congedo straordinario, il dipendente può essere licenziato per motivi economici (giustificato motivo oggettivo), o per motivi disciplinari (per giusta causa o giustificato motivo soggettivo), tra i quali può rientrare l’illegittima fruizione del congedo stesso. È vietato, però, licenziare il dipendente per la sola fruizione del congedo. Per approfondire, leggi: Congedo straordinario legge 104 e licenziamento.

A chi spetta il congedo legge 104?

Ricordiamo che il diritto al congedo legge 104 spetta al lavoratore dipendente, per l’assistenza di un familiare con handicap riconosciuto in situazione di gravità. La durata del congedo è pari a 2 anni complessivi nell’arco della vita lavorativa.

Il congedo straordinario spetta, nell’ordine:

  • al coniuge (o unito civilmente) convivente del portatore di handicap grave;
  • al padre o alla madre, anche adottivi, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente;
  • ad uno dei figli conviventi, anche adottivi, in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti del padre e della madre; il requisito della convivenza non è necessario al momento della domanda, ma deve essere verificato al momento della fruizione del congedo;
  • ad uno dei fratelli o sorelle conviventi in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti dei figli conviventi;
  • al parente o all’affine entro il terzo grado convivente della persona disabile in situazione di gravità, nel caso in cui il coniuge convivente, la parte dell’unione civile convivente, entrambi i genitori, i figli conviventi e i fratelli e sorelle conviventi del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti.

Indennità per congedo legge 104

Il lavoratore in congedo straordinario ha diritto:

  • a un’indennità per il periodo di assenza, pari all’ultima retribuzione percepita (non tutte le voci di paga, però, rientrano nell’indennità), sino a determinati limiti;
  • all’accredito dei contributi figurativi, utili sia ai fini del diritto che della misura della pensione, sino a determinati limiti massimi.

I limiti, nel dettaglio, risultano i seguenti:

  • 36.645,11 euro, per l’indennità annua e per la retribuzione figurativa massima annua;
  • 48.737 euro, quale importo complessivo annuo;
  • 12.092,89 euro, quali contributi figurativi annui (i dipendenti pubblici non beneficiano dell’accredito della contribuzione figurativa, ma dell’accredito diretto della contribuzione da parte dell’amministrazione/ datore di lavoro).

Il congedo legge 104 spetta ai disoccupati?

I lavoratori il cui rapporto di lavoro è cessato, anche qualora risultino destinatari di un’indennità di disoccupazione, come la Naspi, non hanno diritto al congedo straordinario ed alla corrispondente indennità.

Lo svolgimento dell’attività lavorativa da parte di chi richiede il congedo costituisce infatti una condizione necessaria per ottenerne la fruizione: lo ha chiarito il ministero del Lavoro [2].

Nello specifico, il Ministero ha evidenziato che lo svolgimento dell’attività lavorativa da parte del richiedente il congedo costituisce un presupposto fondamentale per ottenerne la fruizione, come si evince chiaramente dal contenuto delle disposizioni di legge [1]. A questo proposito, poi, il Ministero sottolinea che la sospensione totale del rapporto di lavoro, come nel caso di cassaintegrazione a zero ore, consente già di adempiere alle funzioni di cura e assistenza del disabile.

Il congedo legge 104 spetta con la cassaintegrazione?

Se il contratto di lavoro è in corso, ma sussiste una sospensione totale del rapporto, come accade in caso di cassaintegrazione a zero ore, non è possibile che il lavoratore richieda il congedo legge 104.

La fruizione del congedo straordinario è invece ammissibile nell’ipotesi in cui la relativa domanda sia stata presentata prima che l’azienda abbia disposto il collocamento del personale in cassaintegrazione: in questo caso, il lavoratore riceve l’indennità per congedo, mentre, non potendo risultare interessato dalla sospensione dell’attività lavorativa, non percepisce il contributo integrativo previsto per l’integrazione salariale [2].

Nel caso di congedo straordinario richiesto durante la sospensione parziale dell’attività, con intervento della cassaintegrazione a orario ridotto o di contratti di solidarietà a orario ridotto, è ugualmente possibile fruire del congedo legge 104: in questa ipotesi, l’indennità per il congedo deve essere calcolata con riferimento all’ultima retribuzione percepita al netto del trattamento di integrazione salariale.

In pratica, se la sospensione dell’attività è solo parziale, il lavoratore:

  • continua a percepire il trattamento di integrazione salariale (o il contributo connesso alla solidarietà) per le ore in cui l’attività lavorativa è ridotta;
  • fruisce dell’indennità per congedo straordinario per le restanti ore o giornate in cui è prevista l’attività.

Il congedo legge 104 spetta ai lavoratori a termine?

I dipendenti assunti a tempo determinato hanno comunque diritto alla fruizione del congedo straordinario, ma solo in costanza di contratto. Una volta scaduto il termine, essendo cessata l’attività lavorativa, l’indennità non spetta più.


note

[1] Art. 42 Co.5 D.lgs. 151/2001.

[2] Ministero del Lavoro, risposta a interpello 70/2009.

[3] Cass. sent. n. 5425/2019.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube