Partono le domande dei contributi: come averli

29 Marzo 2021
Partono le domande dei contributi: come averli

C’è tempo fino a fine maggio per presentare l’istanza con cui chiedere aiuti economici al Governo. Sono erogati nell’ambito del Decreto Sostegni.

Dal 30 marzo al 28 maggio, è possibile fare domanda per accedere ai contributi a fondo perduto messi a disposizione dal Decreto Sostegni. Ne hanno diritto aziende e titolari di partita Iva che abbiano subito perdite, a causa della pandemia, pari ad almeno il 30% del fatturato medio mensile nel 2020, rispetto al 2019.

Ma possono fare domanda anche i liberi professionisti che hanno aperto la partita Iva dal primo gennaio 2019. Per loro, come per chi ha perso almeno il 30% del proprio fatturato, c’è un limite relativo ai ricavi, che ammonta a dieci milioni di euro: chi, due anni fa, ha ricevuto compensi per una cifra superiore a questa è escluso dalla possibilità di ottenere il beneficio.

Niente clickday, quindi, con molto sollievo da parte degli interessati che possono procedere con più calma: chi vuole chiedere i contributi a fondo perduto ha a disposizione due mesi di tempo. Il portale non è ancora online, ma lo sarà probabilmente dalla tarda mattinata di domani.

Il diretto interessato può avanzare l’istanza in prima persona oppure avvalersi di un intermediario. La domanda si presenta o attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate o tramite la piattaforma web sviluppata da Sogei.

Gli importi vengono calcolati in base alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 e del 2019, applicando a questa differenza una percentuale. Lo schema è il seguente:

  • 60% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 non oltrepassano il tetto dei 100mila euro;
  • 50% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 oltrepassano il tetto dei 100mila euro fino a 400mila;
  • 40% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 oltrepassano il tetto dei 400mila euro fino a un milione;
  • 30% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 oltrepassano il tetto del milione di euro fino a cinque milioni;
  • 20% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 oltrepassano il tetto dei cinque milioni di euro fino a dieci milioni.

Le domande saranno sottoposte a un primo giro di controlli formali e a una seconda fase di verifiche più sostanziali. Già ai primi controlli, l’istanza può essere scartata o presa in carico. In tal caso, verrà esaminata più approfonditamente la posizione fiscale del richiedente. Tre sono gli esiti possibili: la domanda può essere scartata, sospesa temporaneamente per ulteriori verifiche o accettata.

Lo scarto non implica che non si possa rifare un tentativo, avanzando una nuova istanza entro il 28 maggio. La sospensione può avere a che fare con delle incongruenze nella documentazione contabile del richiedente. In tal caso o si ritenta, per verificare che l’errore sia di poco conto, oppure si controlla se non ci sia da regolarizzare la propria posizione e si procede di conseguenza.

Può accadere che, per errore, venga fornito un Iban sbagliato: anche in tal caso, la domanda può essere scartata, ma è possibile ripresentarla fornendo l’Iban corretto.

Le sanzioni sono severe. Chi chiede e ottiene il contributo senza averne diritto può ritrovarsi a pagare una cifra compresa tra un minimo del 100 e un massimo del 200% dell’importo ricevuto, esclusa la definizione agevolata. Inoltre, si configura anche la violazione di norme penali, con la reclusione da 6 mesi a 3 anni. Se la somma ottenuta è inferiore ai 4.000 euro, la sanzione è amministrativa e va da 5.164 euro a 25.822 euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube