Diritto e Fisco | Articoli

Marito o moglie mammona? Il matrimonio in chiesa è annullabile

10 Marzo 2014
Marito o moglie mammona? Il matrimonio in chiesa è annullabile

Nella relazione del vicario giudiziale Rigon l’invalidità del vincolo si configura per la dipendenza psicologica dal genitore che di fatto rappresenta il vero coniuge, mentre la persona sposata è declassato a mero sostituto.

Chi dipende psicologicamente e in modo patologico dai propri genitori è un soggetto “incapace di assumersi gli impegni del matrimonio”. Pertanto, il matrimonio concordatario (quello, cioè, celebrato in chiesa) affetto da eccessivo “mammismo” può essere annullato dai tribunali ecclesiastici. A dirlo, all’apertura anno giudiziario ecclesiastico ligure, è il vicario giudiziale Paolo Rigon.

La “dipendenza psicologica dal genitore”, scrive il monsignore, è un classico esempio di forma di dipendenza che può invalidare il matrimonio: quando, infatti, per ogni scelta, per ogni mossa è necessaria l’approvazione della mamma o del papà del coniuge, quest’ultimo diventa psicologicamente il vero coniuge, mentre la persona sposata diventa un sostituto.

Vi sono numerose situazioni concrete – cita il vicario – nelle quali giovani e adulti, per immaturità psicologica, sprovvedutezza, mancanza di preparazione alla vita, si sposano senza sapere a cosa vanno incontro.

Il prelato fa poi riferimento alle problematiche di tipo sessuale che impediscono o rendono gravemente difficoltosa l’unione coniugale, impedendo una normale e naturale vita sessuale di coppia. “Tutte le deviazioni e aberrazioni di carattere sessuale che incidono nel coniugio in modo gravissimo perché la vita sessuale non è equilibrata” sono anch’esse causa di nullità del matrimonio concordatario.

Tra le altre dipendenze che possono incidere sul vincolo coniugale viene infine citato l’alcol e la droga, l’incapacità di essere fedeli, l’incapacità di relazionarsi col coniuge, le personalità antisociali.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube