Fotovoltaico: prorogata la cessione del credito

31 Marzo 2021 | Autore:
Fotovoltaico: prorogata la cessione del credito

L’Agenzia delle Entrate prolunga i termini per la comunicazione dopo un problema nel sistema telematico. Modifiche anche su altri interventi del superbonus.

Ci sarà tempo fino al 15 aprile per effettuare la cessione del credito d’imposta che deriva dalla realizzazione di un impianto fotovoltaico nell’ambito del sismabonus. La proroga è stata decisa nelle scorse ore in seguito ad un problema rilevato sul modello di comunicazione all’Agenzia delle Entrate.

Il sistema, infatti, chiedeva per questo intervento trainato di inserire obbligatoriamente il codice Enea di asseverazione relativo alle spese legate all’ecobonus, cosa che non spetta predisporre al contribuente. A questo punto, il Fisco ha deciso di inserire nelle istruzioni per la comunicazione che i campi 27 e 28 del modello non vanno compilati. Per chi ha fatto l’impianto e sostenuto le spese nel 2020 ed è in possesso del visto di conformità, la scadenza fissata per oggi, 31 marzo, slitta al 15 aprile. «Entro lo stesso termine – precisa ancora l’Agenzia delle Entrate – dovranno essere inviate eventuali richieste di annullamento o comunicazioni sostitutive di comunicazioni inviate dal 1° al 15 aprile 2021, relativamente alle spese sostenute nel 2020».

Ci sono, però, altre modifiche alle specifiche tecniche per la cessione del credito d’imposta. Nel dettaglio, è previsto per gli interventi in condominio che:

  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione (cioè del singolo proprietario dell’unità immobiliare) sia diverso da quello del condominio;
  • venga confermato per gli interventi non rientranti nel superbonus del 110% il limite di spesa di 96mila euro per ogni unità immobiliare.

Inoltre, nel campo «Tipologia immobile» della casella relativa agli interventi, bisogna obbligatoriamente inserire che gli interventi effettuati sulle unità immobiliari danneggiate da terremoto hanno diritto ad un maggior limite di spesa, come previsto dal decreto Rilancio. Il valore «S», che sta per «sisma», consente un aumento del 50% della soglia massima, applicabile agli interventi condominiali se questa specifica viene riportata per tutte le unità immobiliari che compongono l’edificio.

L’ultima modifica da segnalare riguarda l’acquisto, l’installazione e la messa in opera dei dispositivi multimediali per il controllo da remoto: viene introdotto un limite di detrazione di 15mila euro per le spese sostenute dal 2021.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube