Diritto e Fisco | Articoli

Responsabilità del professionista: quando fargli causa per il risarcimento del danno

11 Marzo 2014
Responsabilità del professionista: quando fargli causa per il risarcimento del danno

Rileva la natura dell’incarico se di routine oppure di difficoltà complessa: dolo e colpa grave limitati solo alla seconda ipotesi.

 

Professionista: responsabilità sì, responsabilità no. Difficile, a volte, a dirsi. E, soprattutto, non sempre il cliente insoddisfatto e danneggiato trova il coraggio di fare causa al medico, all’avvocato, all’architetto, al geometra, all’ingegnere e così via, per via di una non poco chiara definizione dei limiti delle rispettive colpe. A fare però chiarezza su quando si possa configurare la responsabilità di un professionista – e quindi l’obbligo per quest’ultimo del risarcimento del danno – è intervenuta ieri una sentenza della Cassazione [1] che val la pena di spiegare in modo schematico e semplice.

La Corte ci ricorda che, per stabilire quando un professionista sia responsabile nei confronti del proprio cliente per un errore commesso durante la propria attività, bisogna innanzitutto distinguere tra:

incarichi complessi o opere che abbiano un carattere di novità;

– incarichi di routine o, comunque, di media difficoltà.

Nel primo caso (particolare complessità dell’incarico o novità dell’opera richiesta) il professionista è responsabile solo per dolo (ossia quando abbia volutamente sbagliato, probabilmente per danneggiare il cliente o per trarne un proprio vantaggio) o per colpa grave (cioè quando la sua negligenza sia inaccettabile anche da un professionista poco esperto) [2].

Nel secondo caso, invece (attività di routine o, comunque, prestazioni professionali di media difficoltà) ogni minimo errore, anche commesso con una colpa lieve, è causa di responsabilità.

Insomma, tutto sta a stabilire se il compito commissionato sia difficile (anche per via della novità dell’attività) oppure non lo sia. E ciò, ovviamente, lo può stabilire solo il giudice, caso per caso.


note

[1] Cass. sent. n. 5506/14 del 10.03.2014.

[2] Art. 2236 cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube