Cronaca | News

Nuovo decreto Covid: i colori delle Regioni

31 Marzo 2021
Nuovo decreto Covid: i colori delle Regioni

La mappa dell’Italia diventerà tutta arancione o rossa, ma ci sarà la possibilità di passare al giallo per tutti quei territori che rispetteranno alcuni requisiti. 

Fino al 30 aprile l’Italia sarà solo arancione o rossa. Il colore giallo, però, non scomparirà definitivamente: potrà essere attribuito a tutti quei territori che avranno dati rassicuranti.

Non si intendono solo quelli riferiti ai contagi, ma anche all’andamento della campagna vaccinale. La bozza del nuovo provvedimento è stata discussa oggi pomeriggio, nel corso di un Consiglio dei ministri convocato apposta per dare via libera alle nuove regole valide dal 7 al 30 aprile.

Potranno entrare in zona gialla soltanto i territori che hanno un indice di trasmissione del Coronavirus (Rt) inferiore a uno, uno dei parametri principali per l’ingresso in quest’area di rischio basso. Ma solo a patto che siano anche in regola con la campagna vaccinale, soprattutto per quanto riguarda le somministrazioni a persone anziane o appartenenti a categorie fragili.

In questo caso, il Governo potrà allentare le restrizioni nelle Regioni che rispondano a questi requisiti. È la cosiddetta clausola di salvaguardia che il presidente del Consiglio Mario Draghi, alla fine, ha accettato.

«In ragione dell’andamento dell’epidemia – si legge sulla bozza del decreto – nonché dello stato di attuazione del Piano strategico nazionale dei vaccini di cui all’articolo 1, comma 457, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, con particolare riferimento alle persone anziane e alle persone fragili, con deliberazione del Consiglio dei ministri, sono possibili determinazioni in deroga al primo periodo e possono essere modificate le misure stabilite dal provvedimento di cui al comma 1 nel rispetto di quanto previsto dall’articolo 1, comma 2, del decreto-legge n. 19 del 2020».

Dal 7 al 30 aprile, quindi, i bar e i ristoranti non potranno riaprire al pubblico a pranzo e dovranno continuare con l’asporto e le consegne a domicilio. Le scuole potranno riprendere le lezioni in presenza fino alla prima media, anche in zona rossa. La didattica a distanza (dad) si applicherà solo agli studenti di licei e istituti tecnici, dunque alle scuole superiori di secondo grado.

Regole che non soddisfano affatto il leader della Lega Matteo Salvini. «Si tratta di una scelta politica e non scientifica – ha detto ai microfoni di Fanpage fuori dalla Camera -. Io mi aspetto che il Consiglio dei ministri decida in base ai dati scientifici, come ha detto il presidente Draghi, e che dal 7 aprile si valuti su terapie intensive, i contagi, l’Rt, chi è rosso è rosso, chi è bianco riapre».

Il nuovo decreto prevede anche l’obbligo di vaccinarsi anche per i farmacisti e la sospensione fino a un anno per i sanitari che lo rifiuteranno. In particolare saranno sottoposti ad obbligo vaccinale «gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, farmacie, parafarmacie e studi professionali» (per approfondire leggi qui: Nuovo decreto Covid: ecco chi è obbligato a vaccinarsi).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube