HOME Articoli

Le Guide Come ottenere il bonus bebè: voucher per baby-sitter e iscrizione all’asilo nido

Le Guide Pubblicato il 11 marzo 2014

Articolo di




> Le Guide Pubblicato il 11 marzo 2014

Conciliare lavoro e famiglia: ecco i requisiti che la lavoratrice madre deve avere per poter ottenere un bonus di 300 euro mensili da utilizzare per la baby-sitter o l’asilo nido del proprio bambino.

 

Le lavoratrici madri possono beneficiare del cosiddetto bonus bebè, un contributo mensile per pagare la baby sitter oppure l’asilo nido dei propri bambini.

Il contributo è di 300 euro al mese, può essere ottenuto per un periodo massimo di sei mesi (3 mesi per le lavoratrici autonome e parasubordinate) e deve essere richiesto entro undici mesi dal termine del congedo di maternità.

Il bonus bebè è, però, alternativo al congedo parentale, cioè al congedo facoltativo concesso per un totale di dieci mesi tra i due genitori dopo la maternità obbligatoria.

Se la donna decide di beneficiare del bonus bebè per un determinato numero di mesi deve quindi rinunciare, per i corrispondenti mesi, al congedo parentale.

Per accedere al bonus bebè è dunque necessario:

– effettuare la richiesta entro undici mesi dal termine del congedo di maternità;

– non avere già fruito dell’intero congedo parentale a disposizione (è però possibile aver fruito già di parte di esso);

– non essere già esentati dal pagamento delle quote di iscrizione nelle strutture per l’infanzia e non disporre di altri benefici erogati dal Fondo per le Politiche della Famiglia.

Come ottenere il bonus bebè

La lavoratrice che vuole accedere al bonus deve presentare apposita domanda on line partecipando al bando nazionale pubblicato ogni anno dall’Inps (la domanda è reperibile sul sito ufficiale dell’Inps).

È necessario scegliere fin da subito tra i voucher per pagare la baby sitter o il pagamento della rata dell’asilo e indicare il numero di mensilità per le quali si intende beneficiare del bonus.

Occorre anche presentare la propria dichiarazione ISEE, in quanto sulla base di essa l’Inps pubblica, entro quindici giorni dalla scadenza del bando, una graduatoria delle richiedenti, privilegiando le lavoratrici con il reddito più basso.

Entro i successivi quindici giorni, le lavoratrici utilmente collocate in graduatoria beneficiano del bonus bebè in modo diverso a seconda della scelta effettuata al momento della domanda di partecipazione:

– se hanno scelto il contributo per la baby-sitter: possono recarsi presso gli uffici Inps per ottenere il voucher;

– se hanno scelto il pagamento dell’asilo: il contributo viene versato direttamente alla struttura scelta fino ad un importo massimo di 300 euro mensili.

note

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Questo contributo e’ valido per i bimbi nati nel triennio 2013/2015.legge Fornero.
    I soldi sono stati assegnati per i bimbi nati nel 2013.ora che sta finendo il 2014….non c’è stata nessuna data di presentazione della domanda per i nati del 2014 da parte dell’inps.???????!!!!!!!
    o mi sbaglio????

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI