Così funzionerà la giustizia fino ad agosto

1 Aprile 2021 | Autore:
Così funzionerà la giustizia fino ad agosto

Udienze telematiche fino al 31 luglio 2021, anche se lo stato di emergenza finisse prima. Le novità sul deposito digitale degli atti e sui concorsi.

Sono state prorogate fino al 31 luglio 2021 le misure che consentono di svolgere anche in modalità telematica tutta l’attività giudiziaria, compresa quella del settore tributario. La proroga, dunque, resta svincolata dallo stato di emergenza, il cui termine per ora è previsto per la fine di questo mese. Così viene stabilito dal decreto legge approvato ieri sera dal Governo, lo stesso che conferma i provvedimenti anti-Covid per tutto il mese di aprile (leggi Covid: il testo del decreto Draghi per aprile).

Fino a quella data, dunque, sarà possibile tenere le udienze in videoconferenza, mentre verrà anche consentito il deposito digitale degli atti sia nei procedimenti civili sia in quelli penali.

Il decreto insiste sul deposito degli atti nel penale ed interviene in modo particolare su questo aspetto a causa del cattivo funzionamento del portale del processo penale telematico, più volte denunciato dagli addetti ai lavori e causa anche di una protesta che ha portato in passato all’astensione delle udienze. Il provvedimento approvato dal Governo prevede che questo problema con il sistema telematico viene certificato dal direttore generale per i servizi informativi automatizzato e segnalato sull’apposito portale del ministero della Giustizia. In questo modo, diventa causa di forza maggiore e consente la remissione dei termini. In altre parole: finché il sistema telematico non sarà riattivato, l’autorità giudiziaria può consentire il deposito di singoli atti e documenti in modalità cartacea.

Altra norma contenuta nel decreto definisce tempestivo il deposito quando viene eseguito entro le ore 24 del giorno in cui scade il termine, per rendere incontestabile il suo funzionamento e la sua validità da un punto di vista legale. Nella fase conclusiva delle indagini preliminari, per la presentazione delle memorie dell’indagato, il deposito telematico è consentito 24 ore al giorno per garantire il diritto alla difesa.

Il decreto concede cinque mesi in più a tutti gli ordini professionali per il rinnovo degli organismi che non sono stati aggiornati a causa della pandemia.

Infine, per quanto riguarda il concorso per la magistratura ordinaria, ci saranno due prove scritte (non più tre). Per accedere ai locali, sarà necessario presentare una dichiarazione sostitutiva che certifichi il mancato rischio Covid, ad esempio, perché è stato appena eseguito un tampone negativo. Invece, per l’esame da avvocato, il Senato ha deciso nella prima lettura del relativo decreto legge che il candidato potrà scegliere tra le materie facoltative della seconda prova orale diritto civile e diritto penale, anche se le stesse materie sono già state scelte per la prima prova.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube