Diritto e Fisco | Articoli

Il cellulare acceso di notte fa male alla salute

11 Marzo 2014
Il cellulare acceso di notte fa male alla salute

Otto smartphone su dieci restano accesi durante la notte con la scusa della sveglia mattutina: in realtà, la cattiva abitudine di tenere sotto controllo le email e Facebook potrebbero influire sulla qualità del sonno, oltre ai danni da onde.

Secondo uno studio fatto dall’Ofcom (UK), otto cellulari su dieci resterebbero accesi anche di notte, in alcuni casi solo per la sveglia, in altri casi per ricevere eventuali telefonate di emergenza da parte di parenti o amici, in altri casi ancora per un’ossessione patologica “sociale” che porterebbe i proprietari a controllare, anche nelle ore del sonno, eventuali email o Facebook. Fatto sta che questa cattiva abitudine, secondo i medici, potrebbe avere effetti negativi sulla salute, quantomeno influendo sulla qualità del sonno e ingannando l’organismo con la luce dello schermo. Quattro persone su 10 dicono di controllare il proprio smartphone se hanno problemi a dormire.

Non esistono ancora studi certi sui danni cerebrali provocati dall’uso del cellulare, sebbene la Cassazione, non molto tempo fa, abbia riconosciuto nel cellulare la causa scatenante del tumore al cervello, per ciò accordando il risarcimento del danno al dipendente di una azienda di telefonia (leggi l’articolo:  “Cassazione: il cellulare provoca il tumore, lavoratore risarcito”). Solo un anno fa, l’Agenzia Europea aveva lanciato un serio allarme sui rischi delle onde dei telefonini, strettamente correlati al cancro (leggi l’articolo: “Cellulari: l’Agenzia Europea Ambiente lancia allarme tumori”).

Si tratta di un campo ancora “sotto osservazione”; ma oggi, sembrerebbe certo che il display dello smartphone, sia pure in stand-by e con la suoneria silenziosa, possa peggiorare la qualità del sonno, provocando uno stato ansioso (finanche l’insonnia) che, in definitiva, si rifletterebbe sulla qualità della vita dell’utente e, in ultimo, sulla sua salute.

La pratica è tutt’altro che isolata. Secondo l’Ofcom, metà dei proprietari di smartphone li utilizza come sveglia e per questo li lascerebbe accesi tutta la notte.

Il “Daily Mail” avverte che dormire con il cellulare vicino al letto può causare anche capogiri e mal di testa.

Il problema principale è legato, comunque, alla luce degli schermi. Non solo perché sveglierebbe, nel cuore della notte, il proprietario dello smartphone, ma anche perché interferirebbe con il ritmo circadiano e con la giusta secrezione di ormoni essenziali per il bilanciamento della fase sonno/veglia, la melatonina e il cortisolo.

Charles Czeisler, docente di Medicina del sonno della Harvard University, ritiene che anche pochi secondi di luce emessa dal telefonino nel momento sbagliato potrebbero far credere al nostro corpo che sia ora di alzarsi, stimolando la retina, che trasmette i segnali visivi al cervello.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube