Diritto e Fisco | Articoli

Prestito tra privati: come fare

24 Aprile 2021
Prestito tra privati: come fare

Vorrei prestare dei soldi alla mia compagna per aprire un’attività commerciale: come fare per rendere il prestito “regolare” e non avere problemi in futuro?

Nella situazione descritta dal lettore, si configura un’ordinaria fattispecie di prestito tra privati, pienamente legittimo e regolare. Gli accorgimenti da adottare in simili casi, sia per formalizzare il rapporto negoziale tra le parti, sia per scongiurare eventuali accertamenti fiscali, sono i seguenti:

  1. effettuare il prestito con strumenti di pagamento tracciabili (bonifico o assegno) indicando nella causale “Prestito infruttifero”;
  2. stipulare una scrittura privata tramite la quale si dichiara:

– che il mutuante presta alla mutuataria la somma di denaro X affinché possa avviare una determinata attività commerciale;

– che il prestito non costituisce partecipazione del mutuante all’attività commerciale della mutuataria (né in termini di socio, associato, collaboratore ecc.) e che non costituisce finanziamento né acquisto di quote sociali;

– che il prestito è infruttifero, cioè non produttivo di interessi: questa precisazione è essenziale, in quanto, in assenza di specificazione, il prestito si presume fruttifero e quindi produttivo di interessi che il lettore dovrebbe dichiarare al Fisco. Se il prestito è infruttifero, invece, non si deve dichiarare nulla;

– che il prestito dovrà essere restituito entro una determinata data, ferma restando la facoltà da parte della mutuataria, di restituire anticipatamente la somma mutuata.

La previsione della data di restituzione, consente di esigere il pagamento non appena scaduto il termine.

La scrittura privata deve esser firmata da entrambe le parti e non necessita né di autenticazione né di registrazione. È però opportuno attribuire alla scrittura privata data certa, contestuale o anteriore al bonifico bancario o all’assegno; ciò può avvenire in diversi modi. Le segnalo quelli più semplici e immediati: tramite posta elettronica certificata (scambio della scrittura privata tra le parti tramite pec) oppure tramite spedizione a mezzo raccomandata in plico senza busta. Per maggiori indicazioni, è possibile consultare il nostro articolo “Data certa sui documenti: quali sono i metodi per ottenerla?”, pubblicato al seguente link https://www.laleggepertutti.it/117296_data-certa-sui-documenti-quali-sono-i-metodi-per-ottenerla.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Maria Monteleone



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube