Diritto e Fisco | Articoli

Immobile con diritto di abitazione del genitore: va inserito nell’Isee?

24 Aprile 2021
Immobile con diritto di abitazione del genitore: va inserito nell’Isee?

Immobile di proprietà 5/16 con diritto di abitazione di mio padre: devo dichiararlo su DSU per Isee?

Secondo le istruzioni di compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) ai fini Isee, approvate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con Decreto direttoriale n. 347 del 4 ottobre 2019, nel Quadro FC3 (contenente i dati relativi al patrimonio immobiliare posseduto in Italia e all’estero) deve essere indicato il valore dei singoli cespiti posseduti dal soggetto alla data del 31 dicembre dell’anno precedente alla presentazione della dichiarazione sostitutiva, e ciò indipendentemente dal periodo di possesso del bene.

Più precisamente, non devono essere considerati i beni posseduti solo successivamente. Devono, comunque essere considerati i beni posseduti al 31 dicembre, anche se non più posseduti alla data della dichiarazione.

Nelle istruzioni si legge espressamente “Nel patrimonio immobiliare sono compresi i diritti reali di godimento posseduti su beni immobili (usufrutto, uso, abitazione, servitù, superficie, enfiteusi); è invece esclusa la cd. “nuda proprietà”.

Alla luce di quanto precede, nel caso del lettore, in cui padre ha il diritto di abitazione dell’immobile e il lettore di fatto non “possiede” la propria quota, quest’ultima non deve essere inserita nella DSU. La quota dovrà essere, invece, dichiarata eventualmente dal padre nella propria DSU. Ciò in quanto, il soggetto che possiede effettivamente la quota, esercitando su di essa un diritto reale, è solo il genitore.

È pur vero che solitamente la nuda proprietà è associata al diritto di usufrutto; ma, anche con riguardo al diritto di abitazione di un familiare, si può affermare la situazione di “spossessamento” del bene, tale da ricondurre la posizione del proprietario a quella di “nudo proprietario”.

Per tali ragioni, in futuro, finché persiste il diritto di abitazione del padre, il lettore può evitare di dichiarare in DSU la quota dell’immobile a lui intestata.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Maria Monteleone



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube