Più facile accedere al reddito di emergenza

3 Aprile 2021 | Autore:
Più facile accedere al reddito di emergenza

I chiarimenti dell’Inps per ottenere la proroga del trattamento introdotta dal decreto Sostegni, sia per chi ha i vecchi requisiti sia per i disoccupati.

Ci sono due modi per accedere al reddito di emergenza, il beneficio per le famiglie in difficoltà economica a causa del Covid. Uno, essere in possesso dei requisiti di sempre. Il secondo, come proroga del trattamento di disoccupazione, cioè della Naspi o della Dis-Coll. Lo ha appena precisato l’Inps in un messaggio con cui spiega il prolungamento del sussidio nei mesi di marzo, aprile e maggio previsto dal decreto Sostegni.

La prima via, dunque, è quella che richiede i soliti requisiti per ottenere una proroga del reddito di emergenza. Significa che l’accesso è riservato, in questo caso, a chi è in possesso di:

  • regolare residenza del richiedente in Italia al momento della presentazione della domanda. La norma non prevede una durata minima di permanenza ed il requisito è verificato con riferimento al solo componente richiedente il beneficio;
  • un valore del reddito familiare, determinato secondo il principio di cassa, con riferimento al mese di febbraio 2021, inferiore alla soglia corrispondente all’ammontare del beneficio, incrementata in caso di canone di locazione dichiarato nell’Isee, nella misura di 1/12 dell’ammontare annuo dello stesso;
  • un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2020 (verificato al 31 dicembre 2020) inferiore a 10.000 euro. Tale soglia è elevata di 5.000 euro per ogni componente successiva al primo e fino a un massimo di 20.000 euro. La soglia e il massimale sono incrementati di 5.000 euro per ogni componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini Isee;
  • un valore Isee inferiore a 15.000 euro.

Il reddito di emergenza non è compatibile con:

  • le indennità Covid-19 del decreto Sostegni;
  • le prestazioni pensionistiche, dirette o indirette, a eccezione dell’assegno ordinario di invalidità e dei trattamenti di invalidità civile;
  • i redditi da lavoro dipendente, la cui retribuzione lorda complessiva sia superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione del nucleo;
  • il reddito e la pensione di cittadinanza percepito al momento della domanda.

C’è, poi, la seconda via di accesso al reddito di emergenza, vale a dire quello percorribile da chi ha finito il trattamento di Naspi o di Dis-Coll tra il 1° luglio 2020 ed il 28 febbraio 2021 e non possiede i requisiti precedentemente elencati. In questo caso, viene richiesta la residenza in Italia almeno della persona che ha finito Naspi o Dis-Coll ed un valore Isee inferiore a 30mila euro. Inoltre, non deve percepire una delle indennità previste dal decreto Sostegno e, alla data del 23 marzo 2021, una prestazione pensionistica diretta o indiretta, ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità.

La domanda, in entrambi i casi, va presentata telematicamente presso il sito dell’Inps o tramite un patronato tra il 7 ed il 30 aprile. L’importo varia nella prima ipotesi a seconda del reddito del nucleo familiare. Nella seconda, invece, è fissato in 400 euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube