Affitti: la cedolare secca scende al 10%. Nuove detrazioni Irpef

13 Marzo 2014
Affitti: la cedolare secca scende al 10%. Nuove detrazioni Irpef

Aliquota della cedolare secca al 10% per i contratti a canone concordato in vigore già da quest’anno.

Il decreto del Ministro Lupi approvato ieri ha una sorpresa dell’ultimo minuto: per chi affitta la casa con il contratto di affitto a canone concordato e con quello per studenti universitari c’è l’abbassamento dell’aliquota della cedolare secca dal 15 al 10% (già il Governo Letta aveva disposto una riduzione dal 20 al 15%). Stessa sorte per la detrazione fiscale innalzata fino a 900 euro annui in favore gli inquilini (sempre a canone concordato) con reddito inferiore a 15.493,71 euro.

Con questo ulteriore taglio delle tasse, Lupi è convinto di rendere nuovamente conveniente su larga scala il contratto a canone concordato anche rispetto al canone di libero mercato che in questi anni ha subito una forte discesa per la stasi del mercato immobiliare. La misura dovrebbe inoltre far emergere un largo numero di affitti in nero.

Come detto, poi, il nuovo decreto prevede, in favore dell’inquilino, un aumento della detrazione Irpef fino a 900 euro annui per gli inquilini di alloggi sociali con un reddito inferiore a 15.493,71 euro e fino a 450 euro per quelli che hanno un reddito inferiore a 30.987,41 (articolo 7).

C’è poi il rifinanziamento per 100 milioni del fondo affitti e di 226 milioni del fondo “morosità incolpevole” che aiuta chi temporaneamente non può pagare l’affitto.

Ci sono poi i piani e gli incentivi per la vendita degli alloggi Iacp agli inquilini che li abitano. Il fondo per i mutui in favore degli inquilini che acquistano un alloggio di proprietà degli Iacp consentirà di dare un contributo in conto interessi massimo dell’1% per sette anni in favore di un totale di mutui per 2 miliardi a 30 anni.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Da che fonte normativa si può evincere che tale riduzione dell’aliquota vale anche per i contratti per studenti universitari (Legge 9 dicembre 1998) ?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube