HOME Articoli

Lo sai che? Facebook: è stalking la persecuzione con messaggi privati

Lo sai che? Pubblicato il 13 marzo 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 13 marzo 2014

Molestie sul web: anche la chat privata dei social network può essere un terreno fertile per gli stalkers; la Cassazione punisce severamente chi tartassa di messaggi i propri contatti su Facebook.

In un articolo di qualche giorno fa abbiamo trattato il tema dello stalking tramite sms ed email (leggi l’articolo “Troppe telefonate o email sincronizzate sul cellulare: scatta la molestia”). Ma, nell’era dei social network, le persecuzioni potrebbero arrivare ovunque, anche attraverso una serie di messaggi privati o video inviati attraverso Facebook.

Quando il martellamento in chat è tale da creare stati di ansia e terrore nel suo destinatario, allora la condotta – sebbene mossa da ragioni sentimentali – può avere dei serissimi risvolti penali. Scatta, infatti, in tali casi, il cosiddetto stalking.

Facebook entra, dunque, nel mirino degli inquirenti. Secondo una importantissima sentenza della Cassazione [1], infatti, è punibile per stalking la persecuzione attuata anche con video e/o massaggi inviati sui social network.

Condotte illecite spesso poste con estrema leggerezza quelle degli utenti di Facebook e degli altri social media: ma, per esse, spesso si ignora che le sanzioni possono essere assai pesanti, come, per esempio, la custodia cautelare o l’ammonimento del questore.

Peraltro, la pena può scattare anche se il molestatore non agisce solo nei confronti della persona oggetto della “passione amorosa”, ma anche su chi le sta vicino, come il nuovo compagno.

La sentenza della Cassazione è rimasta molto tempo “nascosta”, ma val la pena rinfrescarla di tanto in tanto, posto che, da un’indagine condotta di recente dall’Ansa, un profilo su tre è falso. E spesso, tali account vengono utilizzati solo per mascherarsi e compiere ritorsioni o molestie.

Così, più di recente la Suprema Corte ha ritenuto punibile anche la condotta di chi crei un profilo falso su Facebook, utilizzando un nickname inesistente al solo scopo di molestare in chat altre persone (leggi l’articolo: “Il profilo falso su Facebook è reato se utilizzato per…”).

note

[1] Cass. sent. n. 32404 del 30.08.2010.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI