Covid: gli aiuti extra per gli avvocati

6 Aprile 2021 | Autore:
Covid: gli aiuti extra per gli avvocati

La Cassa forense mette a disposizione delle prestazioni economiche per gli iscritti contagiati dal Covid. In cosa consistono e come ottenerle.

La Cassa forense corre in soccorso degli avvocati che rimangono contagiati dal Covid. Il Consiglio di amministrazione dell’ente previdenziale di categoria ha deliberato, infatti, una serie di misure straordinarie a supporto dei professionisti che hanno contratto o che contraggono il coronavirus tra il 1° novembre 2020 ed il 30 aprile 2021, in quella che lo stesso ente chiama «la seconda ondata» della pandemia non indennizzata in forza di precedenti misure assistenziali».

Il Consiglio ha deciso di erogare:

  • in caso di decesso dell’iscritto entro il 31 dicembre 2020: 4 mila euro ai superstiti;
  • in caso di decesso dell’iscritto tra il 1° febbraio 2021 ed il 30 aprile 2021: 4mila euro ai superstiti nel caso in cui non abbiano titolo a godere della relativa copertura assicurativa garantita dalla Cassa forense tramite l’Emapi, cioè la mutua assistenza dei professionisti italiani (per gli iscritti over 75);
  • in caso di ricovero ospedaliero dell’iscritto nel reparto di terapia intensiva: 3.000 euro;
  • in caso di ricovero ospedaliero dell’iscritto senza terapia intensiva della durata di almeno 7 giorni: 1.500 euro;
  • in caso di isolamento sanitario obbligatorio dell’iscritto della durata di almeno 21 giorni certificati dal medico curante o dal Servizio Sanitario Nazionale e accompagnato da autocertificazione circa l’impossibilità a svolgere l’attività professionale nell’intero periodo di isolamento: 1.000 euro.

Per tutte queste misure è indispensabile il requisito della regolarità dichiarativa e contributiva nei confronti dell’Ente, con possibilità di presentare, all’atto della domanda, una richiesta di regolarizzazione spontanea oppure di aderire ad accertamenti già avviati dalla Cassa. Inoltre, non sono cumulabili tra loro né con le misure tipiche previste dal regolamento dell’assistenza.

Per accedere a questi benefici, è necessario presentare la domanda solo in via telematica tramite la procedura che sarà disponibile sul sito Internet della Cassa forense nella sezione «accesso riservato». La richiesta deve pervenire dal 15 aprile al 30 giugno 2021 per i casi di contagio avvenuti e certificati prima del 30 aprile. L’ente previdenziale tiene a precisare che le domande arrivate prima del 15 aprile in modalità diversa da quella telematica non verranno prese in considerazione. Le richieste inviate in via cartacea possono essere inviate solo dai superstiti dell’iscritto per la prestazione relativa al decesso.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube