Diritto e Fisco | Articoli

Pensione: riscatto contributivo agevolato

8 Aprile 2021 | Autore:
Pensione: riscatto contributivo agevolato

Quale utilità hanno, ai fini pensionistici, i periodi riscattati con calcolo dell’onere con sistema contributivo?

Alcuni periodi scoperti da contribuzione previdenziale possono essere riscattati ai fini della pensione: il riscatto, nel dettaglio, è l’operazione che consente di recuperare, rendendoli utili al diritto e alla misura del trattamento pensionistico, dei periodi non lavorati e non coperti da contributi.

L’operazione di riscatto ha un costo, normalmente a carico del contribuente interessato: l’onere può essere calcolato col cosiddetto sistema della riserva matematica, se il periodo da recuperare è soggetto al calcolo retributivo, oppure col sistema percentuale, se il periodo è soggetto al calcolo contributivo. Per i periodi assoggettati al calcolo contributivo, in casi specifici, si può beneficiare di un onere ridotto. Facciamo allora il punto sulla pensione: riscatto contributivo agevolato, seguendo le nuove indicazioni dell’Inps in argomento [1].

L’Istituto, di recente [2], ha chiarito un aspetto importante, riguardo alla possibilità di accedere al riscatto degli anni di laurea con onere ridotto: è possibile avvalersi del beneficio, difatti, anche qualora i periodi da riscattare si collochino nel sistema retributivo, nell’ipotesi in cui il lavoratore si avvalga del ricalcolo interamente contributivo della pensione.

La pensione, lo ricordiamo, può essere calcolata con sistema interamente contributivo qualora l’interessato aderisca alla cosiddetta opzione contributiva [3], oppure al computo presso la gestione Separata Inps [4], all’opzione donna [5], se lavoratrice, o in alcune ipotesi di totalizzazione nazionale [6].

Qualora l’interessato non si avvalga di opzioni di ricalcolo contributivo, la pensione è calcolata: con sistema retributivo sino al 31 dicembre 2011, poi contributivo, nel caso in cui il lavoratore possieda almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995; con sistema retributivo sino al 31 dicembre 1995, poi contributivo, nel caso in cui il lavoratore possieda meno di 18 anni di contributi alla stessa data; comunque con sistema interamente contributivo, in caso di assenza di versamenti al 31 dicembre 1995.

Quanto esposto vale presso la generalità delle gestioni previdenziali amministrate dall’Inps: le casse dei liberi professionisti, private o privatizzate, seguono le disposizioni previste da ciascun ordinamento di appartenenza in merito ai riscatti.

Riscatto con sistema contributivo

Come appena osservato, l’Inps ha chiarito [2] che l’onere di riscatto, nonostante i periodi siano assoggettati al calcolo con sistema retributivo, quindi della riserva matematica, possa essere determinato secondo il criterio del calcolo contributivo-a percentuale, qualora l’interessato scelga di avvalersi dell’opzione contributiva, dell’opzione donna, del computo o della totalizzazione.

Questa possibilità si riferisce a tutte le tipologie di riscatto: ad esempio, riscatto dei periodi di lavoro all’estero in Paesi non convenzionati con l’Italia, riscatto periodi corrispondenti all’astensione facoltativa per maternità fuori dal rapporto di lavoro, riscatto del corso di studi universitario, etc. Per conoscere tutti i periodi che si possono recuperare leggi l’articolo: “Quali periodi si possono riscattare?“.

Gianni vuole riscattare un periodo di lavoro subordinato svolto all’estero, in uno Stato non convenzionato, anteriormente al 1° gennaio 1996. Poiché questo periodo rileva ai fini della determinazione del sistema di calcolo della pensione, l’onere del riscatto andrebbe determinato col criterio retributivo della riserva matematica. Gianni, però, ha aderito all’opzione di ricalcolo con sistema contributivo della pensione, contestualmente alla domanda di riscatto. Dunque, l’onere viene determinato con il criterio a percentuale.

Come si calcola il riscatto con sistema contributivo?

Per calcolare il riscatto con sistema contributivo- percentuale [7], bisogna applicare al reddito assoggettato a contribuzione nei 12 mesi meno remoti rispetto alla data della domanda, le aliquote contributive di finanziamento vigenti alla stessa data nella gestione previdenziale in cui il riscatto opera. Bisogna poi moltiplicare il risultato per il numero di anni da riscattare, ed eventualmente riproporzionarlo, se vi sono frazioni di anno da recuperare.

Filippo ha un reddito imponibile ai fini previdenziali, negli ultimi 12 mesi, pari a 30mila euro. Effettua il riscatto di 4 anni con sistema contributivo nel Fondo pensione dei lavoratori dipendenti, in cui l’aliquota vigente è il 33%. L’operazione da eseguire è 30.000 x 33% x 4. Filippo deve dunque pagare 39.600 euro in tutto.

I contributi versati con onere percentuale entrano nel montante contributivo dell’interessato (per capire meglio, leggi: Calcolo contributivo della pensione). La rivalutazione del montante individuale dei contributi ha tuttavia effetto dalla data della domanda di riscatto, non dalla data in cui il periodo riscattato si colloca: questa regola vale per tutti i riscatti di periodi che si collochino nel sistema contributivo.

Come si calcola il riscatto con onere agevolato?

Qualora il periodo da riscattare sia quello del corso di studi di laurea e sia da assoggettare a sistema di calcolo contributivo, ordinariamente o per l’adesione all’opzione contributiva, all’opzione donna, al computo o alla totalizzazione, l’interessato può corrispondere un onere ridotto: si tratta del cosiddetto riscatto agevolato della laurea. Ne abbiamo parlato approfonditamente nella Guida al riscatto agevolato.

Nel dettaglio, il riscatto agevolato si calcola moltiplicando l’imponibile minimo annuo vigente presso le gestioni artigiani e commercianti (pari a 15.953 euro per il 2021), per l’aliquota di computo vigente presso il Fondo pensioni dei lavoratori dipendenti (33%).

Marisa, che ha aderito all’opzione donna, vuole riscattare con onere agevolato i 4 anni del corso di studio universitario. Il costo sarà determinato da questa operazione: 15.953 x 33% x 4. Marisa paga 21.057,96 euro totali, che può rateizzare.

Riscatto agevolato e opzione contributiva

Qualora l’interessato voglia avvalersi del riscatto agevolato, ma gli anni del corso di studi di laurea siano da valutare con il sistema retributivo, può chiedere l’opzione di ricalcolo contributivo della pensione per valutarli con quest’ultimo sistema di calcolo. In questo modo, difatti, è possibile quantificare il costo del riscatto con sistema contributivo – percentuale, oppure con onere agevolato.

L’opzione per il sistema contributivo può essere esercitata nel corso della vita lavorativa o contestualmente alla domanda di pensione ed è subordinata al perfezionamento dei seguenti requisiti contributivi:

  • meno di 936 settimane di contributi accreditati (pari a 18 anni) al 31 dicembre 1995;
  • almeno 780 settimane di contributi (pari a 15 anni) di cui almeno 260 settimane (pari a 5 anni) accreditate dal 1° gennaio 1996;
  • almeno un contributo accreditato anteriormente al 1° gennaio 1996.

La liquidazione del trattamento pensionistico esclusivamente con le regole del sistema contributivo è comunque concessa a coloro che possono far valere un’anzianità contributiva di almeno 18 anni al 31 dicembre 1995, a condizione che abbiano esercitato il diritto di opzione entro il 1° ottobre 2001.

Se la facoltà di opzione viene esercitata prima della presentazione della domanda di riscatto, il sistema di calcolo applicabile per determinare l’onere è quello a percentuale – su richiesta agevolato se il riscatto riguarda il corso universitario di studio – anche con riferimento ai periodi che si collocano antecedentemente al 1°gennaio 1996. Il pagamento di almeno una rata del riscatto rende irrevocabile l’esercizio della facoltà di opzione, in quanto si tratta di un atto che rende efficace l’opzione stessa.

Se la facoltà di opzione è esercitata assieme alla presentazione della domanda di riscatto, i periodi da riscattare rilevano ai fini della verifica della sussistenza dei requisiti per l’adesione all’opzione stessa.

Alessio, contando i periodi da riscattare, matura un’anzianità superiore a 18 anni al 31 dicembre 1995: non può esercitare l’opzione al contributivo, quindi l’onere del riscatto sarà determinato col criterio della riserva matematica, dato che i periodi scoperti si collocano nel sistema retributivo.

Se la facoltà di opzione è esercitata dopo la presentazione della domanda di riscatto e l’accesso all’opzione si determina solo grazie alle annualità riscattate, la relativa quota di onere di riscatto deve essere versata in unica soluzione. Inoltre, il sistema di calcolo ordinario applicato per determinare l’onere del riscatto, se versato in tutto o in parte, non può essere rideterminato a seguito dell’esercizio della facoltà di opzione contributiva.

Se, infine, l’interessato esercita la facoltà di opzione al sistema contributivo al momento del pensionamento e contestualmente presenta domanda di riscatto, i periodi da riscattare rilevano ai fini della verifica dei requisiti contributivi per l’accesso all’opzione.

Come si chiede l’opzione contributiva?

La domanda di opzione al sistema contributivo può essere presentata, in via telematica, dal portale dell’Inps, accedendo con le proprie credenziali dispositive (pin Inps, Spid, Cie o Cns), seguendo il percorso: Prestazioni e servizi, Servizi, Domanda di prestazioni pensionistiche, Nuova prestazione pensionistica; bisogna poi attivare il successivo sottomenu Certificazioni, Diritto a pensione, Opzione contributivo.

Per la domanda di riscatto si deve invece seguire il percorso: Prestazioni e Servizi, Riscatto di periodi contributivi.

Riscatto agevolato e totalizzazione

Il lavoratore, qualora possieda contributi accreditati in gestioni previdenziali diverse, può chiedere di conseguire il diritto a pensione attraverso la totalizzazione. Questo strumento consente di sommare gratuitamente i versamenti presenti in casse diverse per ottenere il diritto alla pensione di vecchiaia, di anzianità, di inabilità o ai superstiti. La totalizzazione comporta il ricalcolo contributivo della pensione, a meno che  — per quanto riguarda le gestioni Inps — l’interessato non consegua un autonomo diritto al trattamento.

Nei casi di presentazione della domanda di riscatto contestualmente alla domanda di pensione in totalizzazione, i periodi da riscattare rilevano ai fini:

  • del perfezionamento del requisito contributivo per il diritto alla pensione;
  • della verifica del perfezionamento di un diritto autonomo a pensione nella gestione presso la quale è stato chiesto il riscatto;
  • della determinazione del sistema di calcolo della quota di pensione a carico della gestione presso la quale è stato chiesto il riscatto.

Qualora sussista, anche grazie ai periodi riscattati, un autonomo diritto a pensione presso una delle gestioni amministrate dall’Inps, l’interessato può rinunciare al sistema di calcolo misto [8], chiedendo espressamente nella domanda di pensione l’applicazione del sistema di calcolo interamente contributivo.

In questi casi, se la domanda di riscatto è contestuale alla domanda di pensione, l’interessato può dunque avvalersi del calcolo dell’onere con sistema percentuale o agevolato (per quanto riguarda il corso universitario di studio), se l’operazione è effettuata nel fondo in cui il trattamento è liquidato con il sistema contributivo.

Se, a seguito dell’esercizio della facoltà di totalizzazione, l’onere di riscatto è calcolato applicando il criterio a percentuale anziché della riserva matematica, i periodi riscattati con l’applicazione del calcolo contributivo non rilevano ai fini dell’anzianità contributiva complessiva maturata al 31 dicembre 1995, più precisamente dell’anzianità conseguita tra tutte le gestioni interessate dalla totalizzazione, diverse da quella presso la quale è stato effettuato il riscatto. Lo stesso vale nei casi in cui l’interessato si avvalga del cumulo, un altro strumento che consente di sommare gratuitamente i contributi accreditati in casse diverse.


note

[1] Circolare Inps 54/2021.

[2] Circolare Inps 6/2020.

[3] Art.1 Co.23 L. 335/1995.

[4] Art.3 DM 282/1996.

[5] Art. 16 DL 4/2019.

[6] D.lgs. 42/2006.

[7] Art. 2, Co.5, D.lgs. 184/1997.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube