Digital creator: più tutele in arrivo

7 Aprile 2021 | Autore:
Digital creator: più tutele in arrivo

Via libera dalla commissione Lavoro della Camera a un’indagine sul settore per garantire più stabilità a chi ci lavora.

Maggiori tutele per i cosiddetti digital creator o content creator, ovvero i creatori di contenuti digitali. È lo scopo dell’indagine conoscitiva su questo settore che partirà grazie al via libera unanime della commissione Lavoro della Camera, su iniziativa del Movimento 5 Stelle. «Sotto il profilo sostanziale – spiega la parlamentare pentastellata Valentina Barzotti, che fa parte della commissione – questi soggetti risultano essere in una posizione di dipendenza funzionale ed economica rispetto alla piattaforma da cui trasmettono, senza però disporre di margini di contrattazione sulle modifiche dell’algoritmo che determina la diffusione dei loro contenuti e senza “scudi” ai rischi connessi alle segnalazioni degli hater».

Con questa indagine, dunque, si cercherà di acquisire «elementi utili per una ricostruzione di questa nuova forma di lavoro – continua Barzotti –, sviluppatasi ulteriormente durante la pandemia. Fra questi, anche una più precisa definizione della platea dei soggetti riconducibili alla categoria dei creatori di contenuti digitali e l’individuazione di possibili interventi volti a tutelarli sul piano dei rapporti di lavoro».

Quella del content creator è una delle figure sempre più ricercate dalle aziende che lavorano nel campo digitale. Tra i suoi compiti principali, quelli di coordinare e di produrre dei contenuti per i siti web ma anche essere un punto di riferimento sul materiale online e offline, sull’e-commerce e sulle attività di promozione dei siti, dalla newsletter ai social media.

Deve anche verificare che i contenuti realizzati siano opportuni ed efficaci, adeguati e coerenti al marchio rappresentato. Dopodiché, dovrà anche controllare che le scelte fatte nella fase di produzione diano delle risposte soddisfacenti una volta caricate sul sito.

Il tutto, tenendo sempre presenti i suoi punti di riferimento, ovvero: il contesto in cui opera la società, i media coinvolti e, ovviamente, l’utente finale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube