La Corte Ue: sì ai vaccini obbligatori per i bambini

8 Aprile 2021 | Autore:
La Corte Ue: sì ai vaccini obbligatori per i bambini

I giudici di Strasburgo: immunità necessaria in una società democratica, giusto vietare l’iscrizione all’asilo e multare i genitori.

Per la prima volta, la Corte europea dei Diritti dell’uomo dichiara legittimo l’obbligo di vaccinazione per i bambini. I giudici di Strasburgo si sono pronunciati, per ora, su un singolo Paese dell’Unione ma la decisione, a questo punto, avrà delle ripercussioni su tutti gli altri Stati membri e potrebbe porre la parola fine alle polemiche sollevate anche in Italia sul divieto di iscrivere a scuola gli alunni che non hanno ricevuto il siero contro determinate patologie. Perché, secondo la Corte, «la vaccinazione obbligatoria dei bambini può essere considerata come necessaria in una società democratica».

Tutto è partito dalla Repubblica Ceca dove, appunto, è stata approvata una legge che costringe i bimbi a vaccinarsi contro nove malattie, tra cui il morbillo, il tetano, l’epatite B, la pertosse e la poliomielite, pena l’esclusione dalla scuola materna e una multa per i genitori. La questione era arrivata sul tavolo della Corte europea dei Diritti dell’uomo riunita in Grande Camera, quella cioè che esamina i casi più complessi, alla quale aderiscono 47 Paesi.

La legge ceca prevede l’obbligo di vaccinare i bambini, obbligo che però non può essere applicato mediante la costrizione fisica: i bambini non vaccinati vengono esclusi dalla scuola materna (si fa eccezione per chi non può essere vaccinato) e i genitori possono essere multati. Tra i ricorrenti, infatti, uno era stato sanzionato per non aver adeguatamente vaccinato due figli, gli altri si erano visti solo rifiutare l’ammissione all’asilo dei figli per lo stesso motivo.

La vaccinazione obbligatoria, riconosce la Corte, rappresenta un’interferenza con l’integrità fisica dell’individuo e, pertanto, riguarda il diritto al rispetto della vita privata, tutelato dall’articolo 8 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo. Tuttavia, i giudici notano che la legge ceca persegue l’obiettivo legittimo di tutelare la salute, come pure i diritti altrui, sottolineando che «la vaccinazione tutela sia coloro che la ricevono sia quelli che non possono essere vaccinati per ragioni mediche e che pertanto si affidano all’immunità di gregge per essere protetti dalle malattie infettive gravi».

Pertanto, e dato che l’obiettivo della norma è che «ogni bambino venga protetto dalle malattie infettive gravi, attraverso la vaccinazione e l’immunità di gregge», secondo i giudici di Strasburgo la politica della Repubblica Ceca «può essere definita coerente con il miglior interesse del minore».

Per quanto riguarda la proporzionalità della misura, i giudici notano poi che lo status di non vaccinato non impedisce ai bambini non immunizzati di accedere alla scuola elementare, ma solo all’asilo, e che la multa inflitta ad uno dei ricorrenti non è esorbitante.

In Italia, il rispetto dell’obbligo vaccinale è un requisito per l’ammissione all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia, cioè per i bambini a 0 a 6 anni. Per gli altri, è possibile accedere alla scuola e fare gli esami ma, nel caso in cui gli alunni non siano stati vaccinati, l’Asl predispone un piano di recupero della vaccinazione e i genitori possono ricevere una multa da 100 a 500 euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube