Diritto e Fisco | Articoli

Auto aziendale: quale tassazione?

11 Agosto 2021
Auto aziendale: quale tassazione?

Il datore di lavoro può attribuire al dipendente un’automobile sia per finalità di servizio che per utilizzo personale.

Sei stato assunto come informatore medico scientifico da una società farmaceutica. Il tuo lavoro comporta la necessità di spostarti continuamente sul territorio e, per questo, la lettera di assunzione prevede l’attribuzione in tuo favore di un’auto aziendale ad uso promiscuo. Vuoi sapere se questo benefit andrà ad incidere sulla tassazione del tuo stipendio.

Sono molte le figure professionali che, per svolgere il proprio lavoro, devono utilizzare un mezzo di trasporto privato. Nei casi di attribuzione di un’auto aziendale il lavoratore si chiede quale tassazione è prevista. Per stabilirlo, innanzitutto, occorre verificare se il mezzo viene concesso solo per le esigenze di servizio oppure anche per l’uso personale. Fatto questo controllo bisogna controllare quale modello di auto è stato concesso in uso al lavoratore. Per saperne di più, prosegui nella lettura di questo articolo.

Auto aziendale: cos’è?

Quando si parla di auto aziendale ci si riferisce alla prassi, diffusa in molte imprese, di concedere un’automobile in uso al dipendente. Di solito, l’attribuzione del mezzo deriva dalla necessità del lavoratore di spostarsi frequentemente da un luogo ad un altro per esigenze di servizio. Basti pensare a tutti i lavoratori che devono presentare i prodotti aziendali sul territorio (come i rappresentanti, i venditori, gli informatori medico-scientifici, etc.).

In questi casi, l’azienda ha due alternative:

  • rimborsare al lavoratore le spese di viaggio sostenute per motivi di servizio con la propria auto personale;
  • concedere al dipendente un’auto aziendale in uso.

Rimborso spese auto: come funziona?

Come abbiamo visto, la prima possibilità in caso di utilizzo dell’auto per esigenze di lavoro è il rimborso al dipendente delle spese legate all’utilizzo della propria vettura personale. Questa soluzione, però, non sempre è praticabile perché il lavoratore potrebbe non avere a disposizione un veicolo oppure non essere intenzionato ad utilizzarlo per le esigenze dell’azienda.

In ogni caso, tale metodologia non è poi così conveniente per l’impresa che dovrà rimborsare al dipendente gli oneri legati all’utilizzo della macchina adottando, come criterio, i rimborsi chilometrici previsti dalle tabelle Aci che vengono aggiornate annualmente. Il valore economico chilometrico del rimborso dipende dal modello di auto utilizzata dal lavoratore e può anche arrivare alla soglia di 1 euro al chilometro.

Se il lavoratore utilizza una Bmw X7 Xdrive da 400CV avrà diritto al rimborso di euro 1,1159 per ogni chilometro percorso per motivi di servizio.

Auto in uso al dipendente: come funziona?

Il rimborso chilometrico può costituire una voce di costo considerevole, soprattutto se il dipendente percorre migliaia di chilometri ogni anno. Per questo, spesso, le aziende optano per l’assegnazione al lavoratore di un’auto aziendale. In questo caso, il mezzo appartiene all’impresa (che lo ha acquistato o preso in leasing) e viene concesso in uso al lavoratore il quale non dovrà sostenere alcun costo, né di carburante né di manutenzione.

Dal punto di vista fiscale, tuttavia, la situazione è diversa a seconda del tipo di uso concesso al lavoratore. In particolare, se il dipendente può utilizzare l’auto solo per fini di lavoro non ci sarà alcuna somma da assoggettare a tassazione. Diverso è il caso dell’uso promiscuo che si ha quando il dipendente può usare l’auto sia per lavoro che per scopi personali.

Auto ad uso promiscuo: quale tassazione?

Concedere un’auto aziendale ad uso promiscuo al lavoratore significa attribuirgli un benefit. L’utilizzo personale dell’auto, infatti, è un vantaggio che ha una sua rilevanza economica e, dal punto di vista fiscale e contributivo, è equiparabile ad una forma di retribuzione in natura. Per questo, in caso di uso promiscuo, occorre assoggettare una somma di denaro convenzionale, che corrisponde all’utilità economica concessa al lavoratore, a tassazione Irpef e contribuzione sociale.

Per individuare la quota di fringe benefit che deve essere indicata in busta paga e tassata occorre verificare il modello di automobile, sulla base delle tabelle Aci che vengono aggiornate anno per anno.

Il fringe benefit annuale relativo ad una Alfa Romeo Stelvio 2.2 TD 160CV è pari a euro 2.273,39 mentre il valore da assoggettare a tassazione per l’attribuzione di una Opel Astra 2019 1.5 105CV è pari a euro 1.434,26 annui.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ho acquistato di recente un’auto che uso sia per lavorare sia per il tempo libero. Mi hanno spiegato come funziona la tassazione per le auto ad uso promiscuo. In ogni caso, in questo articolo ho trovato una spiegazione chiara

  2. Sono un rappresentante e vivo metà della mia giornata in auto, che per me è come una seconda casa. Per comodità, abbiamo optato per l’uso promiscuo. Io in pratica macino chilometri ogni giorno e a fine mese mi chiedono complessivamente quanto ho speso così mi viene rimborsato….,

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube