HOME Articoli

News Avvocati: ora i crediti formativi obbligatori sono inferiori

News Pubblicato il 16 marzo 2014

Articolo di




> News Pubblicato il 16 marzo 2014

Formazione professionale continua: i crediti obbligatori sono richiesti in numero inferiore al passato e scendono da 90 a 60; con la presenza inoltre degli sponsor il costo potrebbe non gravare più sul professionista.

 

Lo scorso 21 febbraio il Consiglio Nazionale Forense ha approvato, in via preliminare, il nuovo regolamento relativo agli obblighi della formazione professionale continua. Entro il prossimo 5 maggio, i Consigli degli Ordini potranno formulare osservazioni e proposte emendative: dopodiché il testo diventerà definitivo. Ma, nel frattempo, è presumibile ritenere che gran parte delle norme già disegnate con ampia precisione e dettaglio saranno senz’altro confermate; cosicché val la pena di passare in rassegna i prinicipali elementi di novità.

La modifica più interessante riguarda il numero minimo di crediti che il professionista dovrà conseguire. In particolare, dagli attuali 90, i crediti obbligatori per un triennio passano a 60, con possibilità di compensazione per un numero massimo di 5 crediti ad anno nell’ambito dello stesso triennio.

Si tratta di una significativa riduzione, pari infatti al 33% in meno.

Un’altra novità interessante riguarda i costi da sostenere per i corsi di formazione che potrebbero traslare, dai professionisti accreditati, invece sugli sponsor, la cui presenza è stata espressamente prevista nel nuovo testo. Infatti, il CNF ha stabilito che i soggetti legittimati a promuovere attività formative potranno organizzare i corsi con il sostegno economico degli sponsor, sempre che il finanziamento sia erogato con modalità tali da assicurare prestigio e decoro della professione forense.

 

Il nuovo regolamento tiene inoltre ben distinte le attività di aggiornamento (finalizzate cioè al mantenimento e allo sviluppo delle competenze tecnico-giuridiche del professionista relative alle materie oggetto di esercizio professionale) da quelle di formazione (intese quali attività finalizzate all’acquisizione di nuove competenze, non necessariamente giuridiche, ma anche interdisciplinari, comunque utili ad un migliore esercizio della professione).

note

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI