Diritto e Fisco | Articoli

Violenza psicologica: è reato?

11 Agosto 2021 | Autore:
Violenza psicologica: è reato?

Abusi e maltrattamenti psichici: quando è possibile sporgere querela? Il catcalling è violenza morale?

La legge non ammette la violenza fisica. Solo eccezionalmente è possibile difendersi con la forza bruta, se non ci sono alternative per salvare sé o altri da un pericolo attuale di un’offesa ingiusta. Quanto detto per la violenza fisica vale anche per la violenza psicologica: sebbene sia più difficile da dimostrare, non significa che sia meno grave della prima. Gli abusi psicologici sono molto più subdoli e, a volte, più pericolosi del mero esercizio della forza fisica. La violenza psicologica è reato?

Sfogliando le pagine del Codice penale non si troverà praticamente nulla a proposito degli abusi psicologici; ciononostante, non significa che la vittima di tali maltrattamenti non possa sporgere denuncia e ottenere giustizia. E così, la persona vittima di soprusi psichici potrà presentare querela, purché però la condotta del reo superi la soglia della rilevanza penale, così come stabilito dalla legge. Quando la violenza psicologica è reato? Scopriamolo insieme.

Violenza psicologica: cos’è?

La violenza psicologica è il sopruso che si manifesta non mediante l’esercizio della forza fisica bensì per mezzo di coercizioni e vessazioni in grado di prostrare la vittima ed, eventualmente, indurla a fare o a subire qualcosa che altrimenti non vorrebbe.

In genere, la violenza psicologica si manifesta mediante abusi verbali e comportamenti degradanti per chi li subisce: insulti, umiliazioni pubbliche, atti d’insolenza (come uno sputo o una spinta).

La violenza psicologica non lascia tracce sulla pelle ma sulla psiche della vittima, provocando a volte danni permanenti o, comunque, a cui è difficile porre rimedio.

Violenza psicologica: quand’è reato?

Come spiegato nell’articolo “Violenza morale: cos’è?“, gli abusi psicologici possono avere conseguenze sia civili che penali.

Da quest’ultimo punto di vista, la violenza psicologica può sfociare in uno dei seguenti delitti:

  • minaccia;
  • violenza privata;
  • stalking;
  • maltrattamenti.

Analizziamo brevemente ciascuno di questi reati.

Violenza psicologica nel reato di minaccia

Secondo la legge, chi minaccia un’altra persona di un ingiusto danno è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a 1.032 euro. Se la minaccia è grave (ad esempio, minaccia di morte) o è perpetrata mediante l’utilizzo di armi o altri metodi particolarmente intimidatori, la pena è della reclusione fino a un anno e, in quest’ultimo caso, si procede d’ufficio [1].

La violenza psicologica può senza dubbio integrare il delitto di minaccia: quest’ultima, infatti, non è altro che una violenza verbale consistente nella prospettazione di un male ingiusto, idonea a incutere timore e ad avere ripercussioni psichiche nella vittima.

Violenza privata: quand’è reato?

Quanto detto per il reato di minaccia vale, tutto sommato, anche per quello di violenza privata, che consiste nella condotta di chi, con violenza o minaccia, costringe un’altra persona a fare, tollerare, od omettere qualcosa. La pena è la reclusione fino a quattro anni, aumentata nei casi di violenza aggravata (ad esempio, perché fatta mediante l’uso delle armi, con l’aiuto di altre persone, ecc.) [2].

Anche nell’ipotesi di violenza privata, quindi, è possibile ravvisare un abuso psicologico tutte le volte in cui la libertà di una persona, da intendersi sia come libertà fisica di movimento che di libero convincimento, sia “violentata”, cioè costretta a percorrere una strada diversa da quella che si sarebbe voluta in realtà.

Stalking e violenza psicologica

Anche lo stalking può essere integrato da una violenza psicologica, purché non si tratti di una condotta singola ma reiterata nel tempo.

È noto che il delitto di stalking scatti quando una persona, con condotte ripetute, minaccia o molesta la vittima inducendola a temere per la propria incolumità, a vivere in un grave stato d’ansia oppure a cambiare le abitudini di vita [3].

Gli atti persecutori possono tranquillamente consistere in abusi psicologici, come ad esempio in pedinamenti molesti, telefonate strategicamente effettuate per arrecare disturbo, parole insinuanti.

Maltrattamenti contro familiari e conviventi

Secondo la legge, commette reato chiunque maltratta una persona della famiglia o comunque convivente, o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia.

Se dal fatto deriva una lesione personale grave, si applica la reclusione da quattro a nove anni; se ne deriva una lesione gravissima, la reclusione da sette a quindici anni; se ne deriva la morte, la reclusione da dodici a ventiquattro anni [4].

Questa fattispecie di reato è applicabile anche a chi causa un dolore psichico, purché la vittima sia convivente. Secondo la giurisprudenza, infatti, nei maltrattamenti non rientrano soltanto le percosse, le lesioni, le ingiurie, le minacce, ma anche gli atti di disprezzo e di offesa alla dignità, idonei a causare sofferenze morali [5].

Violenza psicologica: come denunciare?

Chi è vittima di violenza psicologica può sporgere denuncia/querela ogni volta che ricorrano gli estremi di uno dei reati sopra indicati.

A parte il reato di maltrattamenti contro familiari e conviventi, tutti gli altri sono delitti punibili a querela di parte (salvo le forme aggravate): ciò significa che la vittima potrà sporgere querela entro tre mesi a far data dall’ultimo atto di violenza psicologica subito. Solo per lo stalking, il termine è di sei mesi.

I maltrattamenti sono invece denunciabili da chiunque, anche da persona diversa dalla vittima, in qualsiasi momento, senza limiti di tempo.

Catcalling: è violenza psicologica?

Anche il catcalling, cioè la deprecabile abitudine di insolentire le donne in strada, può costituire un’ipotesi di violenza psicologica. Per sapere se questa condotta costituisce reato, si rinvia alla lettura dell’articolo “Catcalling: cos’è e quand’è reato?“.


La violenza psicologica può sfociare in uno dei seguenti delitti:

  • minaccia;
  • violenza privata;
  • stalking;
  • maltrattamenti.

note

[1] Art. 612 cod. pen.

[2] Art. 610 cod. pen.

[3] Art. 612-bis cod. pen.

[4] Art. 572 cod. pen.

[5] Cass., sent. n. 8396 del 12.09.1996.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. IL mio ex compagno mi faceva sentire inutile. Mi mortificava di fronte ad amici e parenti, abbassando decisamente la mia autostima. Così pensava di avere il controllo su di me e sulla mia vita …. Un bel giorno. stanca delle sue cattiverie gratuite sono andata da uno psicologo e gli ho raccontato tutto. Lui mi ha incoraggiata a denunciare alle autorità la mia situazione e così ho fatto

  2. La violenza psicologica è insidiosa perché all’esterno nessuno se ne rende conto. Ma questo tipo di violenza ti logora dentro e ti fa capire che chi sta al tuo fianco e ricorre a certi stratagemmi per “Punirti” e farti del male è una persona squallida, cattiva

  3. Bisognerebbe far vivere queste persone così perfide tutto il male che provocano. perché spesso la violenza psicologica viene esercitata nell’ambito dello stalking e di altri reati gravi. Qui, ho capito le varie distinzioni grazie

  4. IL mio ex marito mi aveva eliminato dalla cerchia di amicizie. Piano piano, mi stava isolando dal resto del mondo affinché potesse mettermi sotto torchio e potessi stare a casa tutto il giorno senza uscire da sola. Era inquietante. Mi accusava di non tenere al matrimonio soltanto perché qualche volta sentivo il bisogno di uscire con le amiche. Mi aveva fatto il lavaggio del cervello

  5. Dovrebbe rientrare nella tortura essere retro attiva e, non avere prescrizioni quando è finalizzata a finanziare il terrorismo internazionale…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube