Diritto e Fisco | Articoli

Cos’è la franchigia sulle successioni

12 Aprile 2021 | Autore:
Cos’è la franchigia sulle successioni

Quante tasse si pagano per ereditare il patrimonio del padre o del nonno? Qual è la soglia sotto la quale non c’è un prelievo fiscale?

Quanto viene tassata una successione? Dipende dal grado di parentela tra chi lascia il patrimonio e chi lo riceve: più è lontano e più imposte si pagano. La legge ha creato un sistema per raggiungere un doppio scopo: da una parte, non pesare troppo da un punto fiscale sugli eredi. Dall’altra, evitare che qualcuno voglia fare il furbo ricorrendo alla donazione per evitare le tasse di successione, o viceversa. Cosa ha pensato il legislatore? Innanzitutto, ha stabilito una franchigia, cioè una soglia sotto la quale non c’è alcun prelievo fiscale. Franchigia del tutto uguale a quella relativa alle donazioni. Che cos’è la franchigia sulle successioni è quello che vedremo di seguito.

Franchigia sulle successioni: che cos’è?

Partiamo con la definizione di franchigia. Si tratta, come detto, di una soglia sotto la quale non avviene alcun prelievo fiscale dall’atto di successione. In pratica, è un importo minimo «esentasse» che varia a seconda del grado di parentela tra l’erede e chi lascia il proprio patrimonio. Le tasse si pagano sulla somma che eccede quella soglia.

Affinché il contribuente non cada nella tentazione di fare il furbo dividendo e donando il patrimonio prima del suo decesso piuttosto che facendo un testamento, la legge ha equiparato donazione e successione dal punto di vista fiscale. Tanto è valido per l’una quanto lo è per l’altra: aliquote, esenzioni e franchigie.

Significa, per esempio, che per la successione da padre a figlio (così come per la donazione) c’è una franchigia di 1 milione di euro (1,5 milioni se il figlio è disabile). Al di sotto di questa soglia, non si pagano le tasse, mentre se il limite viene superato c’è un’aliquota del 4%. Pertanto, sulla successione di 800mila euro non si pagano le imposte, mentre sulla successione di 1.250.000 euro si paga il 4% su 250mila euro.

Franchigie sulle successioni: quali sono?

Ecco, a questo punto, quali sono le franchigie e le aliquote sulle successioni, a seconda del grado di parentela con l’erede:

  • successioni tra coniugi: aliquota del 4% e franchigia di 1 milione di euro;
  • successioni tra ascendenti in linea retta (ossia nonno, padre, nipote): aliquota del 4% e franchigia di 1 milione di euro (1,5 milioni di euro se il beneficiario è portatore di handicap ai sensi della legge 104/1992);
  • successioni tra fratelli e sorelle: aliquota del 6% e franchigia di 100mila euro (1,5 milioni di euro se il beneficiario è portatore di handicap ai sensi della legge 104/1992);
  • successioni tra altri parenti fino al 4° grado, affini in linea retta e affini in linea collaterale fino al 3° grado: aliquota del 6% senza alcuna franchigia (la franchigia invece resta ferma a 1,5 milioni di euro se il beneficiario è portatore di handicap ai sensi della legge 104/1992);
  • successioni tra altri soggetti è prevista un’aliquota dell’8% senza alcuna franchigia (resta la franchigia di 1,5 milioni di euro se il beneficiario è portatore di handicap ai sensi della legge 104/1992).

Vediamo in modo ancora più schematico aliquote e franchigie della successione:

Soggetti beneficiari 

Franchigia 

Aliquota

coniuge, parte dell’unione civile e parenti in linea retta (genitori e figli, rispettivi ascendenti e discendenti in linea retta, adottanti e adottati)

€ 1.000.000

4%

fratelli e sorelle

€ 100.000

6%

altri parenti fino al 4 o grado, affini in linea retta e affini in linea collaterale fino al 3 o grado

6%

altri soggetti

8%

persona portatrice di handicap

€ 1.500.000

4%, 6% o 8% a seconda della parentela

Va precisato che, agli effetti della successione, l’unione civile fra persone dello stesso sesso è equiparata alla famiglia tradizionale e i riferimenti al coniuge si intendono anche alla parte dell’unione civile. Inoltre, i discendenti dei figli adottivi vengono considerati come i discendenti dei figli naturali.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube