HOME Articoli

Editoriali Addio multe se la segnaletica è poco visibile e confusa

Editoriali Pubblicato il 17 marzo 2014

Articolo di




> Editoriali Pubblicato il 17 marzo 2014

Se la segnaletica è accozzata e di dimensioni differenti, tanto da rendere poco comprensibili e intuibili, a prima vista, le varie prescrizioni del codice della strada, la multa è nulla.

La segnaletica è accalcata e confusionaria? I cartelli sono coperti l’uno dall’altro e appaiono di dimensioni differenti, tanto da indurre i conducenti in errore, non potendo, questi ultimi, con facilità, comprenderne il senso? La multa è nulla.

A dirlo è una interessantissima – e, per certi versi, innovativa – sentenza del giudice di pace di Firenze [1].

L’originalità della pronuncia sta nel fatto che il magistrato si sofferma ad osservare (tramite la documentazione fotografica prodotta agli atti) la collocazione dei cartelli stradali contenenti le prescrizioni verso gli automobilisti. In particolare, il giudice soppesa le relative dimensioni dei segnali e rileva quanto “accozzati” siano l’uno con l’altro.

Il giudice di pace, infatti, acutamente nota che alcuni dei cartelli hanno dimensioni diverse e più piccole rispetto agli altri, così non consentendone di comprendere, a prima vista, le relative regole inerenti al tratto di strada interessato.

Nel caso di specie – per come si nota dalla foto sottostante – l’indicazione “corsia riservata mezzi pubblici di trasporto” risultava poco visibile, perché collocata al di sopra di un cartello completamente differente (quello della ZTL, con eccezione dei residenti).

cartelli stradali

Questo modo di “affogare” tra di loro le numerose prescrizioni del codice della strada, facendo apparire meno visibili alcuni obblighi rispetto ad altri (per via delle differenti dimensioni dei cartelli), rende la nulla illegittima. Tale è, a detta della sentenza in commento, l’effetto di una complicata segnaletica, generatrice di incomprensione in ordine ai veicoli autorizzati all’accesso.

note

[1] G.d.P. Firenze sent. n. 1154/2014 del 5.03.2014.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Ho una domanda : la Polizia locale ha fatto girare una circolare nel mio rione , in periferia di una citta’ di provincia , nella quale ci comunicano che dalle 8:00 alle 8:45 e dalle 16:00 alle 16:45 tutti i residenti non possono circolare per l’uscita degli alunni della scuola elementare adiacente al residence dove abito , specifico che la scuola si trova in fondo ad una via dove parallelamente c’e’ una via per l’uscita dei residenti , ma purtroppo nemmeno questa via e’ percorribile durante il divieto . Ebbene noi residenti ci sentiamo “sequestrati” secondo voi e’ legale questo divieto ? Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI