Diritto e Fisco | Articoli

Cosa fare quando i figli sono violenti verso i genitori?

12 Agosto 2021 | Autore:
Cosa fare quando i figli sono violenti verso i genitori?

Abusi e vessazioni da parte della prole: scatta il reato di maltrattamenti contro i familiari? I figli minorenni possono essere condannati?

Purtroppo, le notizie di cronaca riportano spesso casi in cui minori sono sottoposti a maltrattamenti, fisici e psicologici, da parte dei propri genitori. In ipotesi del genere, per i responsabili scattano le manette e l’allontanamento dalle vittime, le quali possono anche essere affidate ai servizi sociali. Può tuttavia accadere che coloro che subiscano vessazioni e soprusi non siano i figli, bensì i genitori, costretti a patire le angherie della prole. Cosa fare quando i figli sono violenti verso i genitori?

Al di là delle ipotesi in cui i genitori siano particolarmente anziani e i figli, oramai adulti, approfittino di loro, con questo articolo ci focalizzeremo sui casi in cui la prole sia ancora minorenne. Cosa accade in tali circostanze? Il problema di questo particolare tema è duplice: da un lato, le norme sono in genere pensate per tutelare la prole da eventuali abusi da parte dei genitori, e non il contrario; dall’altro, è noto che l’imputabilità penale scatti solamente al compimento di una determinata età. Ciò significa che il minore potrebbe farla franca anche commettendo un reato in piena regola.

Se l’argomento ti interessa, prosegui nella lettura: vedremo insieme cosa fare quando i figli sono violenti verso i genitori.

Figli violenti contro i genitori: è reato?

I figli violenti nei riguardi dei genitori commettono reato? Secondo la Corte di Cassazione [1], sì.

Per la precisione, si tratta del delitto di maltrattamenti contro familiari o conviventi [2], che si integra quando si maltratta una persona della famiglia o comunque convivente. Il crimine è punito con la reclusione da tre a sette anni.

Sebbene la maggior parte delle volte questo reato scatti a causa degli abusi subiti da parte dei genitori ovvero del coniuge/convivente, secondo la giurisprudenza nulla vieta che possa macchiarsi del delitto anche la prole. E, infatti, nella nozione di familiare rientra sicuramente anche quella di genitore, il quale può essere vittima dei maltrattamenti del figlio.

Secondo la Suprema Corte, il figlio che pone in essere comportamenti reiterati, violenti, fisici e verbali, con la volontà di vessare i propri familiari, facendoli vivere in uno stato di terrore, è responsabile per il reato di maltrattamenti in famiglia.

Attenzione, però: il reato di maltrattamenti si configura solamente se genitori e figli vivono sotto lo stesso tetto. Elemento fondamentale del reato, infatti, è la convivenza, senza la quale non si potrebbe mai avere il delitto di maltrattamenti.

È appena il caso di precisare che all’interno del delitto di maltrattamenti in famiglia non rientrano soltanto le percosse, le lesioni, le ingiurie, le minacce, le privazioni e le umiliazioni imposte alla vittima, ma anche gli atti di disprezzo e di offesa alla sua dignità, che si risolvono in vere e proprie sofferenze morali.

Genitori: come tutelarsi dai figli violenti?

I genitori che sono vittime dei figli violenti possono tutelarsi sporgendo denuncia presso le autorità. Ciò, tuttavia, potrebbe non bastare, in quanto, prima che si giunga a una condanna, potrebbero trascorrere anni, durante i quali la prole violenta potrebbe continuare a fare del male ai genitori.

Ecco perché, all’interno della denuncia, è bene chiedere sin da subito che il giudice disponga l’allontanamento dalla casa familiare. Si tratta di una misura cautelare adottata dal giudice ogni volta che occorre tutelare i conviventi di persona indagata o imputata per un reato che mette a repentaglio la loro incolumità.

Secondo la legge [3], con il provvedimento che dispone l’allontanamento, il giudice ordina all’imputato di lasciare immediatamente la casa familiare ovvero di non farvi rientro, e di non accedervi senza l’autorizzazione del giudice.

L’allontanamento dalla casa familiare si applica quando ricorra l’esigenza di tutelare le vittime dal rischio di subire ulteriori danni.

In pratica, l’allontanamento serve a separare la vittima dal carnefice dopo che sia intervenuta una denuncia nei confronti di quest’ultimo.

L’allontanamento dalla casa familiare non è però una conseguenza automatica della denuncia per maltrattamenti: è il giudice, su richiesta del pubblico ministero, a dover decidere se applicare o meno la misura, valutata la gravità del reato e, soprattutto, il pericolo che la condotta illecita si ripeta.

Figli minorenni violenti contro i genitori: è reato?

Abbiamo compreso che la prole che convive con i genitori commette reato se maltratta questi ultimi, costringendoli a subire vessazioni fisiche o morali.

Ma cosa succede se i figli violenti sono minorenni? È possibile denunciarli e ottenere il loro allontanamento? Secondo la legge [4], l’imputabilità penale si acquista al compimento dei quattordici anni. Cosa significa? Vuol dire che anche un minorenne, purché quattordicenne, può rispondere penalmente delle proprie azioni, anche se, in questa circostanza, verrà giudicato da uno speciale tribunale (quello per i minorenni) e, in caso di condanna, beneficerà sempre di una diminuzione della pena.

Da tanto deriva che il minore che abbia compiuto i quattordici anni potrà rispondere di maltrattamenti contro i genitori, purché ovviamente conviventi.

Contro il figlio minorenne responsabile di violenze e abusi contro i genitori, però, non può essere adottata la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare [5]. La ragione è piuttosto scontata: il giudice si troverebbe a dover cacciare di casa una persona che, con ogni probabilità, non ha alcun mezzo di sostentamento.


note

[1] Cass., sent. n. 12795 del 1 aprile 2010.

[2] Art. 572 cod. pen.

[3] Art. 282-bis cod. proc. pen.

[4] Art. 97 cod. pen.

[5] Cass, sent., n. 20496/2007.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. mio figlio è diventato aggressivo dopo il diploma, Non sapeva cosa fare della sua vita, era sempre nervoso, aveva lasciato la ragazza e si sentiva spaesato. Noi genitori gli siamo stati vicini. Nel frattempo, io e mio marito ci siamo lasciati. Questa situazione ha aggravato il suo stato d’animo. Lui mi ha accusato della nostra rottura dicendo che non sono stata una brava moglie e ha iniziato a strattonarmi e farmi del male. A quel punto, mi sono rivolta a degli specialisti in neuropsichiatria e gli hanno fatto seguire un percorso terapeutico. Non ho voluto sporgere denuncia ecc perché d’altronde è mio figlio e aveva bisogno di un aiuto dal punto di vista psichiatrico. Mi si spezzava il cuore nel vederlo in quelle condizioni. Per fortuna, ora sta recuperando piano piano e anche il nostro rapporto è migliorato

  2. cara signora, io mi sono ritrovata a combattere con mio figlio dopo che lui è caduto in una brutta dipendenza da sostanze stupefacenti. Aveva perso il lavoro e non avendo soldi a disposizione non sapeva come acquistare la droga così ha iniziato a prendere i soldi dal mio portafogli. E’ diventato aggressivo quando si è accorto che io avevo fatto sparire i contati e non volevo dargli più soldi. Lo abbiamo portato ad un centro di disintossicazione per il suo bene e per il nostro

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube