Diritto e Fisco | Articoli

Inps tenuto al risarcimento danni se comunica informazioni sbagliate

18 marzo 2014 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 marzo 2014



Il lavoratore ha diritto al risarcimento danni se l’istituto di previdenza comunica informazioni errate in merito alla sua posizione contributiva

L’Inps è responsabile dei danni subiti dal lavoratore che ha confidato sui dati – poi rivelatisi errati – rilasciati dall’Inps in merito al raggiungimento dei requisiti necessari per il conseguimento della pensione di anzianità.

È quanto ha stabilito di recente la Cassazione [1]. La sentenza ha così riconosciuto ampia tutela al cittadino che adotta determinate scelte o affronta rilevanti spese perché confortato dall’aspettativa di un reddito imminente (la pensione), aspettativa però ingenerata da informazioni inesatte fornite dall’Istituto di Previdenza.

La vicenda

Nel caso deciso dalla Corte, un lavoratore aveva interrotto il proprio rapporto di lavoro poiché indotto a ritenere, dalla lettura dei vari estratti conto inviati dall’Inps sulla sua posizione previdenziale, di aver raggiunto i contributi utili per ottenere la pensione. L’infelice verità si era però rivelata soltanto al rigetto della domanda di pensionamento per insufficienza dei contributi versati.

L’Inps deve risarcire tutti i danni

In casi come questo, l’Inps deve risarcire al lavoratore i danni di ammontare pari alla somma delle retribuzioni perse tra la data di cessazione del rapporto di lavoro e quella del conseguimento della pensione.

Il principio si applica tanto nel caso in cui sia stato il cittadino a chiedere informazioni o il rilascio di attestati sulla propria posizione, tanto nell’ipotesi in cui i dati siano stati comunicati volontariamente dall’inps al privato, mediante l’invio o la pubblicazione di estratti conto contributivi.

Infatti, in entrambi i casi, le informazioni provengono da una pubblica amministrazione che, in quanto tale, è tenuta a rispettare i canoni di lealtà e correttezza.

Ne consegue che le informazioni divulgate dalla P.A. dovrebbero essere sottoposte ai dovuti controlli, pena l’obbligo di corrispondere il risarcimento danni al privato che abbia fatto affidamento sulla veridicità delle stesse [2].

Sebbene la tutela al lavoratore non debba mai essere negata, può comunque essere circoscritta o limitata. Infatti la giurisprudenza [1] ritiene che l’importo del risarcimento può essere diminuito se l’interessato non ha tenuto conto delle cosiddette formule cautelative. Queste ultime sono espressioni spesso allegate ai documenti o alle informazioni inviate al cittadino, nelle quali l’amministrazione presenta l’eventualità che i dati forniti potrebbero essere inesatti o approssimativi. Ignorarle equivale a contribuire alla causazione del danno e pertanto la responsabilità deve essere ripartita in capo ad entrambe le parti [3].

note

[1] Cass. sent. n. 21454 del 19.10.2013.

[2] In senso conforme: Cass. sent. n. 3195/2012; Cass. sent. n. 15083/2008, Cass. sent. n. 19340/2003.

[3] Art. n. 1227 cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Ho ricevuto ieri a mezzo raccomandata la richiesta dell’ Inps per il processo a sostegno del reddito in riferimento ad una mia malattia coperta da certificato medico riferita ad aprile 2003, con conseguente richiesta di far pervenire immediatamente il modulo A.S. 1 allegato e compilato, pena la richiesta di risarcimento danni nella forma massimo a mio danno. Ora a distanza di oltre 13 anni non ho alcuna documentazione relativa, ma non sono decaduti i termini per tale richiesta????

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI