Monopattini elettrici: le nuove restrizioni in arrivo

19 Aprile 2021 | Autore:
Monopattini elettrici: le nuove restrizioni in arrivo

Divieto di uso per i minorenni, obbligo del casco e del giubbotto catarifrangente, vincoli orari. Senza escludere l’assicurazione obbligatoria.

Saranno anche comodi, eviteranno pure le code in città per andare al lavoro o per raggiungere un parente, ma vengono ritenuti un potenziale pericolo per l’incolumità soprattutto di chi li usa e, per questo, ci vogliono delle regole più rigide. È questo il principio alla base delle nuove misure che stanno per limitare l’utilizzo dei monopattini elettrici. Mezzi il cui acquisto è incentivato dal Governo nell’ambito di una mobilità sostenibile ma che, allo stesso tempo, devono essere adoperati con un certo criterio.

Se ne sta occupando il Parlamento, nell’ambito dell’iter «lumaca» che prima o poi porterà alla riforma del Codice della strada, atteso ormai da troppo tempo. Sia alla Camera sia al Senato è iniziata in questi giorni la discussione su due disegni di legge presentati per stabilire delle norme più chiare – ma anche più rigide – sull’uso dei monopattini elettrici, così come di monowheel, hoverboard e segway, oggi equiparati alle biciclette nella fase sperimentale introdotta dalla legge di Bilancio 2019.

Cosa prevedono questi disegni di legge? Innanzitutto, riservano la guida dei monopattini a chi ha compiuto i 18 anni. Significa, ovviamente, che sarà vietato ai minorenni di guidare questi mezzi. Poi, ci sarà l’obbligo di indossare il casco ed il giubbotto catarifrangente. Ci sarà anche il divieto di circolare con monopattini elettrici (e con gli altri mezzi assimilati) dopo il tramonto. Vuol dire che d’estate si potrà andare in giro di più, visto che il sole cala più tardi.

E ancora: verrà confermato il limite di velocità a 20 km/h e ci sarà la possibilità di circolare solo sulle strade urbane e sulle piste ciclabili con un limite di 30 km/h. Ci sarà il divieto di sosta sui marciapiedi, con possibilità di rimozione forzata.

Non è da escludere – e anche questa sarebbe un’importante novità – l’obbligo di copertura assicurativa, una sorta di Rc auto per i monopattini. Se all’inizio era stata scartata (forse per motivi di opportunità, cioè perché ritenuto un vincolo poco popolare), le statistiche sugli incidenti avvenuti da quando è iniziata la fase sperimentale consigliano oggi di imporre una polizza non solo a chi utilizza i mezzi in sharing, come previsto oggi, ma a chiunque esca di casa con il monopattino elettrico. Va ricordato, infatti, che fino al mese di febbraio scorso ci sono stati 25 incidenti gravi di cui due mortali. I feriti in prognosi riservata sono stati 11, una cinquantina quelli con prognosi fino a 40 giorni. Se consideriamo che finora il traffico nelle città è diminuito a causa delle limitazioni legate al coronavirus, in prospettiva, quando tutte le attività verranno riaperte e la circolazione tornerà «a regime» le insidie per chi viaggia su questi mezzi si moltiplicheranno inevitabilmente.

Il tutto in attesa che nelle città ci siano più spazi per la mobilità con biciclette, monopattini, monowheel, hoverboard e segway, a partire dalle piste ciclabili.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. oltre che della contro-sbornia dal bonus monopattini, rimaniamo in attesa che venga approvato l’obbligo di assicurazione, casco integrale ed esoscheletro di protezione anche per i pedoni che attraversano sulle strisce pedonali

    (sebbene un lockdown totale appaia più idoneo a prevenire ogni rischio alla salute degli italiani circolanti)

    l’incapacità e inettitudine rispetto a qualunque forma di controllo dei comportamenti abusivi che caratterizza questo paese si traduce sempre in misure generali sproporzionate.
    e i parlamentari che si stanno dedicando alla questione sono parte attiva del problema.

  2. Prima hanno spinto per il loro utilizzo con tanto di bonus, ora vogliono mettere delle restrizioni di orario ridicole, non ho parole…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube