Vacanze brevi: verso l’obbligo di assicurazione

19 Aprile 2021 | Autore:
Vacanze brevi: verso l’obbligo di assicurazione

Sempre più diffusa la richiesta degli intermediari di una polizza per le cancellazioni dell’ultimo momento causa Covid.

L’esperienza insegna. Se la scorsa estate, tutto sommato, c’è stata la possibilità di fare le vacanze in un appartamento in affitto senza troppe limitazioni, non è stato così durante la stagione invernale: chi aveva prenotato un bilocale o una casetta in montagna per andare a sciare è stato costretto a disdire a causa delle restrizioni contro il Covid. Nessuno si azzarda a garantire al 100% che nei prossimi mesi non succederà lo stesso. Nasce da qui l’esigenza di tutelarsi, sia come vacanzieri sia come proprietari degli appartamenti da affittare per qualche giorno o per qualche settimana.

L’idea che prende piede tra gli intermediari è quella di introdurre una polizza assicurativa al momento della prenotazione, in modo da coprire eventuali disdette dell’ultimo momento per un contagio o per un decreto che impedisce la mobilità tra le regioni. Situazioni che possono far perdere all’inquilino un acconto o una caparra e al proprietario la possibilità di trovare in tempi brevissimi un altro affittuario per non perdere il guadagno. Una sorta di «clausola Covid» nel contratto di locazione che alcune agenzie immobiliari ed altri intermediari stanno già cercando di proporre ai clienti, magari facendo pagare il premio sia al proprietario sia all’inquilino. «Fifty-fifty», così entrambi sono tutelati allo stesso modo.

Per l’inquilino, infatti, non è sempre possibile invocare «l’impossibilità sopravvenuta» e dimostrare che il motivo della disdetta giustifica la richiesta di restituzione dei soldi. Anche perché – fa notare qualche intermediario – dopo più di un anno di emergenza, gli eventi Covid non possono considerarsi per forza «imprevedibili», quando si sa come evitarli.

Ed ecco che entrano in scena le polizze assicurative, inserite negli accordi tra i portali specializzati negli affitti brevi e le reti di proprietari degli immobili. Come spiega questa mattina Il Sole 24 Ore, il network Italianway ha firmato un accordo di partnership con Europ Assistance per consentire agli utenti, da fine aprile, di scegliere una tariffa con assicurazione inclusa che garantisca annullamenti e modifiche per una serie di impedimenti, compresa la malattia per Covid (ma copre anche infortuni o calamità naturali). «La tariffa sarà applicabile su tutto il portafoglio degli appartamenti gestiti dai nostri manager, non sui siti partner tipo Booking, e andrà ad aggiungersi alle tariffe basiche, non rimborsabili, e a quelle che consentono la cancellazione gratuita fino al giorno prima dell’arrivo», racconta al quotidiano di Confindustria l’amministratore delegato, Marco Celani.

Anche il portale Solo Affitti Brevi propone già oggi una polizza assicurativa, con una tariffa che copre la cancellazione a causa di imprevisti, furto, assistenza stradale, assistenza sanitaria e altro. Al cliente viene garantito un rimborso dall’85 al 100% a seconda dei casi, mentre al proprietario costa il 5% della tariffa.

Airbnb, per ora, si limita a chiedere ai proprietari degli appartamenti la possibilità per l’inquilino di cancellare la prenotazione con rimborso totale a 5 giorni, se non addirittura a 24 ore dal check-in, per eventi imprevisti alla prenotazione come modifiche dei requisiti governativi o emergenze ed epidemie dichiarate. Restano, però, escluse quarantene, isolamenti consigliati, malattie o lesioni.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Già il fatto che si possa essere rimborsati con un certo preavviso mi rincuora se penso che affitterò un appartamento al mare quest’estate per staccare un po’ dai ritmi frenetici della città visto che ci sono rimasto rinchiuso un anno

  2. IO capisco che ora ci si prepara per l’estate nella speranza che le cose vadano bene e si possa partire, ma io mi chiedo queste persone ricordano di fare le disdette entro tot di giorni? In ogni caso, questo mi invoglia ad acquistare i biglietti per la prossima estate

  3. Per forza le vacanze saranno brevi. Pandemia a parte, mica ho accumulato soldi per viaggiare… Non è che uno prende e parte, ma ci vogliono le possibilità economiche e sarebbe odeale aver fatto il vaccino. Poi, magari al rientro da fuori devi fare tampone e come sapete per chi risulta positivo magari deve stare chiuso in casa,

  4. Dov’è che si può andare? io mi organizzo e vado. Che poi a me basta anche un solo weekend. Me ne andrei in un posto sperduto in cui sono sicuro che la mia famiglia non abbia contatti con altra gente per via del Covid, vedremo cosa dice il bollettino dei contagiati. Sicuramente, non mi sento di fare un salto nel buoi e avviarmi se nonostante siamo zona gialla il numero dei contagi è alto

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube