Cronaca | News

Covid: cosa cambia per le visite a parenti e amici

21 Aprile 2021 | Autore:
Covid: cosa cambia per le visite a parenti e amici

Ci si può spostare in quattro più i figli minori di 14 anni. La differenza di mobilità tra zone gialle, arancioni e rosse. L’occasione del green pass.

Il decreto legge con le nuove misure anti-Covid in vigore dal 26 aprile concederà finalmente agli italiani la possibilità di muoversi più liberamente, a seconda della zona in cui risiedono. Favorito chi abita in una Regione gialla, più limitato chi si trova in zona arancione o rossa.

Oltre alla novità del green pass per facilitare gli spostamenti tra i territori a rischio medio o alto, il decreto ne contiene un’altra non meno importante, che riguarda le visite a parenti ed amici.

Finora, in assenza di zone gialle, si poteva andare a trovare i genitori o gli amici solo in due, accompagnati eventualmente dai figli sotto i 14 anni, ed una volta al giorno. Questa regola resta dal 26 al 30 aprile compreso. Dal 1° maggio, le cose cambiano sia nelle Regioni gialle sia in quelle arancioni.

La regola generale è questa: sarà possibile andare a fare visita a parenti ed amici in quattro, e non più in due, sempre con i figli minori di 14 anni. Questo vuol dire che chi, ad esempio, ha due figli di 15 e 18 anni può portarli con sé a trovare i nonni, gli zii, gli amici di famiglia. Se, in più, c’è anche un figlio di 13 anni, possono riempire l’auto ed andarci tutti e cinque.

La differenza tra la zona gialla e la zona arancione è la seguente. Chi abita nella prima può spostarsi a fare visita a parenti ed amici sia all’interno della propria Regione sia in un’altra di fascia gialla. Inoltre, se tutti i componenti del nucleo familiare sono stati vaccinati, hanno avuto il Covid e sono guariti oppure hanno fatto un tampone entro le ultime 48 ore dal momento dello spostamento, grazie al green pass potranno andare in quattro, oltre ai minori di 14 anni, a trovare parenti ed amici in una Regione arancione o rossa.

Chi, invece, abita in una Regione arancione potrà fare tutto questo ma solo nel proprio Comune di residenza. Significa che si potrà fare visita a parenti ed amici sempre una volta sola al giorno, in quattro ed accompagnati da figli under 14 senza uscire dal territorio comunale in cui abitano. A meno che anche loro abbiano il green pass, cioè abbiano i requisiti della vaccinazione, della guarigione dal Covid o del tampone negativo: in questo caso, è consentita la mobilità anche nelle zone maggiormente a rischio.

In entrambi i casi (zona gialla e arancione), è possibile recarsi quotidianamente in una sola abitazione privata abitata. Vuol dire che non è possibile fare più visite nella stessa giornata. Ad esempio, non è possibile andare a mangiare dai nonni a mezzogiorno, passare a prendere il caffè nel pomeriggio dagli zii e fermarsi a cena dagli amici prima di tornare a casa.

Il decreto non prevede questa possibilità nella zona rossa, il che vuol dire che nelle Regioni con le misure più restrittive resta il divieto di allontanarsi dalla propria abitazione se non per motivi di lavoro, di salute o di comprovata necessità. A meno che, anche in questo caso, si abbia la certificazione verde.

Così sarà dal 1° maggio fino al 15 giugno. Dal 16 giugno, gli spostamenti saranno liberi ovunque, tranne che nella zona rossa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. … E chi non vuole fare il vaccino, non ha fatto tamponi, non ha avuto sintomi e ne covid, ma ha figli in altra regione, per esempio io, che ho figli maggiorenni viventi in Calabria, io vivo in Sicilia, se non mi fanno passare col Traghetto, impugno la faccenda “Green Pass” e la porto in Corte Costituzionale ??? … Che succede ??? … Non vedo le mie figlie dal settembre scorso.

  2. Ma io vorrei vedere chi sta a controllare in ogni Comune se una persona è andata una o più volte a fare diverse visite nella stessa giornata. Già non controllano chi devono controllare quando in piazza si fanno gli assembramenti, figuriamoci se vanno a verificare se una persona è uscita più volte per raggiungere amici e parenti

  3. Io credo che questa storia delle restrizioni stia sfuggendo a qualcuno di mano. Cioè spiegatemi come sia possibile appurare che ciascuno di noi in Italia, siamo quasi 60milioni di persone, possa essere monitorato. Cioè è ovvio che sia impossibile. Ed è ragionevole non fissare regole così stringenti perché non tutti le rispettano. Le persone responsabili, a prescindere da queste assurde regole (prima 2 poi 4 persone, ecc.) comunque evitano di riunirsi, mentre gli irresponsabili continuano a fare feste e ad incontrarsi in casa di amici e parenti come se nulla fosse

  4. Se due anni fa mi avessero detto che avrei dovuto sperare nel cambiamento di colore di una regione per poter uscire e vivere “quasi” normalmente la mia vita, non ci avrei creduto. Sembra di essere in un film di fantascienza in cui tutti ci ritroviamo ad uscire mascherati, a stare distanti, a stare rinchiusi in casa durante il lockdown (neppure sapevamo fino ad oggi cosa stava a significare), a poter incontrare i nostri cari con limiti di numero e limiti di orario. Speriamo di uscirne presto

  5. Ho già prenotato una settimana fuori dall’Italia dai miei parenti per vedere il nipotino appena nato, così per un po’ usciamo da questa routine. Tuttavia, da quello che mi dicono, la situazione non è delle migliori neanche fuori. ci sono alcuni lavoratori che per le attività che svolgono devono farsi il tampone anche due volte alla settimana.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube