Diritto e Fisco | Articoli

La polizia può fare irruzione in casa se c’è una festa?

22 Aprile 2021
La polizia può fare irruzione in casa se c’è una festa?

Musica ad alto volume e disturbo alla quiete pubblica: che fare se gli agenti chiedono di aprire la porta dell’abitazione? È violazione di domicilio?

In ogni condominio ci sono i guastafeste, ma c’è anche chi delle feste abusa e non rispetta i vicini che cercano di riposare. Così, se qualcuno si è lamentato in passato, all’ennesimo party potrebbe scattare la telefonata alla polizia. E gli agenti, anche se di regola non possono entrare in casa senza un mandato, qualora rilevino che si stia commettendo un reato – come quello di disturbo alla quiete pubblica – potrebbero chiederti di aprire la porta. A quel punto, ti chiederai: «La polizia può fare irruzione in casa se c’è una festa?».

La risposta non è immediata. Difatti, così come c’è “rumore” e “rumore”, c’è anche “polizia” e “polizia”. Se parliamo della polizia municipale, i poteri degli agenti sono di gran lunga più limitati rispetto a quelli della polizia di Stato. A confermarlo è stata una recente ordinanza della Cassazione [1]. 

Intendiamoci: se qualcuno sta spacciando degli spinelli e gli invitati stanno già fumando la marijuana, le cose potrebbero andare molto peggio rispetto al caso di una semplice riunione rumorosa. Ma procediamo con ordine e vediamo, più nel dettaglio, se la polizia può fare irruzione in casa se c’è una festa.

La polizia può entrare in casa senza mandato?

Per fare irruzione nell’abitazione delle persone la polizia deve prima farsi rilasciare dal giudice un’autorizzazione: il cosiddetto mandato. Senza mandato non sei tenuto ad aprire la porta, salvo che gli agenti ravvisino che, all’interno della tua dimora, si stia consumando un reato di cui vogliono acquisire le prove e vogliano arrestare i colpevoli in flagranza. Pensa al caso di spaccio di droga. A questo punto, dovrai farli entrare e non fare opposizione. 

Affinché però tale potere non si traduca in un abuso, è necessario che la polizia si faccia convalidare dal pm, nelle 48 ore successive, la perquisizione. Puoi quindi verificare che tale provvedimento sia stato emesso. Diversamente, tutte le attività avvenute in casa tua non potranno essere utilizzate come prova contro di te.

La polizia può costringermi ad abbassare il volume?

Se il volume della musica è così alto da dare disturbo a gran parte del palazzo, stai commettendo il reato di disturbo alla quiete pubblica. In questo caso, la polizia di Stato può intervenire, su richiesta anche di una sola persona, e obbligarti ad abbassare il volume. Naturalmente, sei libero di non farlo, ma ne pagherai le conseguenze in termini penali. 

Se invece la musica dà fastidio solo a uno o due appartamenti, quelli più vicini al tuo, non stai commettendo alcun reato, ma un semplice illecito civile: le molestie ti potranno tutt’al più costare un risarcimento del danno. Tuttavia, in tal caso, proprio perché non c’è alcun illecito penale da reprimere, la polizia di Stato non può entrare in casa tua. 

La polizia può fare irruzione in casa se c’è una festa con musica alta?

La polizia di Stato è deputata alla repressione dei reati. Invece, la polizia municipale può intervenire solo dinanzi alle violazioni amministrative. 

A questo punto, se gli agenti bussano alla tua porta perché la musica è troppo alta, dovrai capire di chi si tratta. Come anticipato, infatti, la polizia di Stato può fare irruzione in casa senza mandato solo se si sta consumando il reato di disturbo alla quiete pubblica [2] (e quindi la molestia acustica è tale da disturbare un numero indeterminabile di persone) e sempre purché l’accesso serva per acquisire il corpo del reato o comunque le cose pertinenti al reato. Potrebbe ad esempio sequestrare le casse del tuo stereo, anche se si tratta di un’ipotesi più scolastica. Dunque, se stai commettendo questo illecito penale, la polizia può intervenire per fare un verbale, che sarà trasmesso poi al pm per la tua incriminazione. A quel punto, dinanzi all’atto dei pubblici ufficiali, che fa piena prova, avrai ben poche armi in tua difesa.

Viceversa, se non stai commettendo reato, ma comunque la musica è sufficientemente alta da produrre inquinamento acustico, stai violando una disposizione di carattere amministrativo [3]. Per la constatazione di tale illecito è invece competente la polizia municipale, la quale però non ha i poteri per entrare in casa delle persone. Tutto ciò che i vigili urbani possono fare – dice la legge [4] – è assumere informazioni e procedere all’ispezioni di cose e di luoghi diversi dalla privata dimora. Peraltro, come specificato dalla Cassazione [1], a far scattare la sanzione non basta che gli agenti sentano la musica dalla strada attraverso le bocche di lupo, cioè i condotti dell’aria del locale interrato.

La Corte ricorda che la Municipale può esercitare il potere ispettivo solo al di fuori della «privata dimora», la cui nozione coincide con quella rilevante ai fini del reato di violazione di domicilio: comprende non soltanto l’abitazione ma anche tutti gli altri luoghi che sono destinati in via permanente o transitoria allo svolgimento della vita privata, e quindi pure ad attività di svago, oltre che di lavoro e di studio. Compreso il garage. 


note

[1] Cass. ord. n. 10369/21 del 20.04.2021.

[2] Art. 659 cod. pen.

[3] Legge n. 447/1995.

[4] Art. 13 legge 689/1981.

Autore immagine: depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. Certo che può fare irruzione in casa! Sapete quanti sono stati sanzionati quest’anno anche con il fatto che molti facevano festini nonostante il Covid ed hanno violato le restrizioni imposte dai vari Dpcm. Ed era evidente che in quelle case ci fosse tanta gente perché era pieno di auto fuori da quelle case

  2. Mi chiedo perché non fanno mai irruzione nelle abitazioni o nei locali in cui si sa che si fanno certi eventi in cui ci sono fiumi di alcol e droga e si consumano spesso reati molto gravi? Quante volte si vanno a condannare i piccoli ma si lasciano tranquilli i pesci grossi? Semplice, ci sono interessi di mezzo e certa gente resta intoccabile

  3. Una volta i vicini ci hanno minacciato di chiamare la polizia perché erano sicuri che stessimo facendo qualcosa di illecito durante la festa e invece eravamo tutti perfettamente sobri ma avevamo solo alzato la musica e abbiamo fatto un po’ di caos. Così per fare capire loro che era tutto regolare li abbiamo inviati e si sono fermati a divertirsi con noi

  4. Su quale base giuridica sostenete che si possa fare irruzione in casa per una contravvenzione? Non conosco precedenti che lo giustifichino, anzi, per reati più gravi i pm difficilmente convalidano.

    1. Come precisato nell’articolo, con un’ordinanza la Corte di Cassazione (n. 10369/21 del 20.04.2021) ha stabilito che la polizia di Stato può fare irruzione in casa senza mandato quando si configura il reato di disturbo alla quiete pubblica. Ciò significa che i rumori devono disturbare un numero indeterminabile di persone.

      1. Ho letto l’ordinanza e non afferma che si può fare irruzione. Anzi, proprio per il reato di disturbo alla quiete pubblica non è necessario accedere alla dimora, la rilevazione del rumore è sufficiente (se non più idonea) svolta al di fuori dell’abitazione.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube