Diritto e Fisco | Articoli

Come riottenere affidamento figlio dato a casa-famiglia

24 Aprile 2021
Come riottenere affidamento figlio dato a casa-famiglia

A causa di liti domestiche in cui sono intervenuti i carabinieri, il Tribunale dei minorenni ha tolto a me e alla mia compagna la nostra bimba di 3 anni. Entrambi stiamo facendo un percorso psichiatrico. Lei ha problemi con l’alcol ed io ho un disturbo ossessivo compulsivo. Ora, la mia compagna si trova con la bimba presso una casa-famiglia. Possiamo riottenere l’affidamento della bimba oppure può essere affidata ai nonni?

La vostra situazione rientra nella categoria della cosiddetta “decadenza dalla responsabilità  genitoriale” (art. 330 Codice civile), dove il giudice, ritenuto che le condotte dei genitori possano essere dannose allo sviluppo psico-fisico del figlio minore, decide di “togliere” ai genitori il loro potere di decisione sugli aspetti educativi e di crescita del proprio figlio, affidandolo a persone terze, spesso familiari ovvero il servizio sociale.

La decadenza della potestà genitoriale, salvo casi gravissimi, non esclude però la possibilità di frequentare il proprio figlio. Infatti, da quanto mi riferisce, la Sua compagna attualmente è collocata presso una casa famiglia con la bambina, proprio per mantenere il rapporto genitore figlia di cui ha bisogno un minore per la crescita.

Purtroppo, i problemi di alcolismo e/o i disturbi psichiatrici, se non adeguatamente curati e controllati, possono essere considerati motivi validi per la decadenza della responsabilità  genitoriale.

Ciononostante, poiché i provvedimenti in tema familiare non sono completamente definitivi e quindi possono essere modificati, avrete la possibilità di poter essere reintegrati nella responsabilità genitoriale ai sensi dell’art. 332 Codice civile, attraverso la presentazione di un ricorso al Tribunale per i minorenni.

Tuttavia, al fine di poter essere reintegrati nella responsabilità genitoriale è necessario che  entrambi seguiate – come già state facendo – un adeguato percorso di cura e di recupero che vi metta nelle condizioni di poter svolgere la vostra funzione genitoriale. Infatti, sarà molto  importante il parere positivo dei medici e dei servizi sociali, i quali saranno chiamati a presentare delle relazioni.

Per quanto concerne, poi, la possibilità di un affidamento temporaneo della bambina ai suoi genitori, le rappresento che sul tema è ormai pacifica nella giurisprudenza la preferenza di figure appartenenti alla famiglia di origine, e in particolare i nonni. Infatti, i minori hanno un diritto, personalissimo, a crescere nella famiglia naturale a salvaguardia del loro sano ed equilibrato sviluppo psico-fisico.

Ciononostante, anche per i nonni è prevista una valutazione sulla loro adeguatezza psico-fisica e affettivo-relazionale con il minore; dove, comunque, l’età è uno dei profili (ma non il più  importante) ai fini della scelta di affidare o meno il minore ai nonni.

Pertanto, con riferimento al suo caso, è possibile avanzare una richiesta al Tribunale per i minorenni affinché, previa valutazione, disponga l’affidamento temporaneo di sua figlia ai suoi genitori con conseguente collocamento, laddove i nonni, anche in età più avanzata, siano però in grado, sia da un punto di vista psico-fisico (quindi capaci psichicamente e fisicamente di occuparsi di un minore) sia da un punto di vista affettivo e relazionale, di occuparsi della propria nipote.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Vincenzo Maria Scarano



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube