Diritto e Fisco | Articoli

Farmaci per abbassare il tasso alcolico

22 Aprile 2021
Farmaci per abbassare il tasso alcolico

Guida in stato d’ebbrezza, come smaltire l’alcol e evitare di essere multati. Il caso dei collutori, l’aspirina, il Citoethyl e le altre medicine.

Chi non vorrebbe conoscere il nome dei farmaci per abbassare il tasso alcolico. Il web è pieno di pozioni miracolose che consentirebbero di mettersi alla guida anche dopo aver bevuto. In realtà, le cose non stanno così e a dimostrarlo sono le numerose sentenze che hanno confermato le condanne nei confronti degli automobilisti trovati in stato di ebbrezza: inutile il richiamo all’assunzione di medicinali con contenuto alcolico o comunque in grado di comportare un aumento del livello ematico di alcol e un incremento del livello di alcol espulso tramite espirazione. 

Qui di seguito faremo il punto della situazione proprio sui più comuni farmaci per abbassare il tasso alcolico.

Collutori e medicinali falsano l’etilometro?

Le leggende metropolitane si moltiplicano quando si tratta di fregare l’alcoltest. Ma, ad oggi, sono risultate inutili le giustificazioni rivolte a dare la colpa a collutori e medicinali. Non c’è stata una sentenza che abbia ancora accolto il ricorso del conducente ubriaco alla guida. Inutile anche salvarsi con le mentine o le gomme da masticare. L’aglio è invece in grado di ridurre la percezione dell’alcol solo da parte degli etilometri più datati: quelli attualmente in circolazione sono invece molto più precisi. 

Aspirina per giustificare un alto livello di alcol nel sangue

Di recente, la Cassazione [1] si è trovata a stabilire se l’aspirina falsa l’etilometro. Nel caso di specie, l’automobilista sanzionato aveva portato una relazione certificata dal proprio medico di fiducia. Questi aveva sostenuto che i farmaci assunti dal suo paziente sarebbero stati in grado di «comportare un aumento del livello ematico di alcol ed un aumento del livello di alcol espulso tramite espirazione».

Più in particolare, l’automobilista aveva sostenuto che solo un’ora prima dell’accertamento tramite alcoltest aveva assunto un’aspirina 500.

Tuttavia, secondo la Cassazione, «in tema di guida in stato di ebbrezza, l’esito positivo dell’alcotest costituisce prova dello stato di ebbrezza», che non può essere messo in discussione solo richiamando «la circostanza relativa all’assunzione di farmaci idonei ad influenzare l’esito del test».

Peraltro, sempre secondo i giudici, la relazione medica prodotta dall’automobilista non può essere decisiva, anche perché non prova «né l’assunzione del farmaco né che la causa certa del rilevato tasso alcolemico fosse riconducibile proprio all’assunzione del farmaco». Peraltro, «in concreto, il tempo trascorso tra la fine della cena – mezzanotte circa – e la presumibile assunzione dell’aspirina e l’accertamento del tasso alcolemico» era tale da azzerare i presunti effetti del farmaco. 

Ma l’aspetto decisivo di questa sentenza è un altro. La Cassazione ha infatti affermato un principio in grado di invalidare la consueta scusa dei farmaci per abbassare il tasso alcolemico: «tocca al conducente accertarsi, senza potersi avvalere della dedotta ignoranza e incorrendo in caso contrario in colpa, della compatibilità dell’assunzione del farmaco con la circolazione stradale al momento di mettersi al volante». In buona sostanza, è lui che, prima di guidare, deve accertarsi se ha preso farmaci in grado di alzare il livello di alcol. Pertanto, o si astiene dal mettere in moto la macchina oppure deve subire la sanzione per la guida in stato di ebbrezza.

Citoethyl per abbassare il tasso alcolico

Sempre sul web, si legge di un integratore, il Citoethyl, in grado di abbassare il tasso alcolico nel sangue anche da 1.20 g/l a sotto 0.50, con effetti sulla digestione, sulla pesantezza e sulla lucidità. Della sua efficacia però non c’è alcuna evidenza e il suo impatto andrebbe testato sulla singola persona. È infatti noto che il livello di alcol dipende da una serie di fattori soggettivi quali: il sesso, il peso corporeo, la distanza dai pasti e il livello di alcuni enzimi presenti nel corpo.   

Leggi sul punto Etilometro: tutto ciò che c’è da sapere.

Se l’etilometro non funziona 

L’unico rimedio “miracoloso” per contestare l’etilometro è sollevare l’eccezione di mancato funzionamento. A questa, la polizia può rispondere in un solo modo: mostrando il certificato di taratura; taratura che – per essere valida – deve essere stata fatta non più di un anno prima dall’accertamento. 

Si tratta della stessa giustificazione che viene adottata contro gli autovelox: tutti gli strumenti di controllo elettronico vanno sottoposti a periodica verifica di funzionalità, diversamente risultando illegittima e impugnabile qualsiasi sanzione per violazione del Codice della strada. 

Il certificato di taratura – eseguito da una ditta autorizzata – deve essere esibito in originale o in copia conforme, su richiesta dell’automobilista, anche prima del ricorso al giudice o nel corso dello stesso processo intentato contro la sanzione della polizia.

Come smaltire rapidamente l’alcol in eccesso

Per evitare che il livello di alcol nel sangue salga oltre la soglia è sempre consigliabile di bere a stomaco pieno e, prima di mettersi alla guida, fare attività fisica (ad esempio, una lunga passeggiata). Secondo alcuni studi, sudare accelera lo smaltimento dell’alcol. Allo stesso modo, bere molta acqua può essere d’aiuto, tenendo presente però che solo il 2,5% della dose totale viene escreto immodificato nelle urine, con il sudore e con l’aria espirata. 

Il rimedio migliore e più sicuro resta sempre il tempo: l’alcolemia diminuisce in media di 0,15 g/l per ora (da 0,11 a 0,24 g/l a seconda dell’organismo e del metabolismo del fegato).

Guida in stato di ebbrezza: cosa prevede la legge

La materia della guida in stato d’ebbrezza è regolamentata dagli articoli 186 e 186 bis del Codice della Strada. Chi viene sorpreso con un volume di alcol nel sangue da 0,51 a 0,8 grammi subisce una semplice sanzione amministrativa: la multa va da 500 a 2000 euro, sono poi previste la decurtazione di 10 punti e la sospensione della patente da 3 a 6 mesi.

Se il volume di alcol nel sangue va da 0,81 a 1,5 grammi, si passa al penale; scatta l’ammenda da 800 a 3.200 euro, con la decurtazione di 10 punti e la sospensione da sei mesi a un anno della patente. 

Infine, per chi supera 1,5 grammi di alcol nel sangue scattano le sanzioni penali più gravi: l’ammenda da 1.500 a 6.000 euro, la decurtazione di 10 punti dalla patente e la sospensione da uno a due anni, oltre alla confisca del veicolo: vuol dire che l’auto viene requisita dallo Stato che ne diventa per sempre proprietario. 


note

[1] Cass. sent. n. 14637/21 del 20.04.2021.

Autore immagine: depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. Basterebbe non alzare il gomito quando si è consapevoli di doversi mettere alla guida della propria auto dopo aver partecipato ad un party. Ci si può divertire tranquillamente senza fare abuso di alcol o, addirittura, senza toccare alcol. Eppure, c’è un sacco di gente che viene a dirmi: ma come fai a divertirti se non bevi? Come fai ad essere astemia? Beh, vi assicuro che si può essere l’anima della festa anche senza bere.

  2. Che poi in quei festini tra droga e alcol succedono le cose peggiori tra cui violenze e altri disastri alla guida. Direi che è il caso di darsi una regolata anche per evitare di mettersi in pericolo ed esporsi a casi pericolosi. E’ bene essere sempre lucidi e non perdere coscienza quando si frequentano party o certi ambienti

  3. Farmaci per abbassare il tasso alcolico? Ma ne inventano di tutti i colori. Questa ad esempio non la sapevo proprio e appena ho letto il titolo mi sono incuriosito. Sapevo che bisogna bere a stomaco pieno o lasciar passare un bel po’ di tempo, fare una passeggiata per smaltire la sbornia e rinfrescarsi il cervello, ma le altre informazioni non le conoscevo. Interessante!

  4. Ne ho sentite tante di sciocchezze, ma l’assurdità di certi escamotage per falsare l’alcoltest mi fa sorridere. Ma davvero credete di poterla passare liscia? E al di là delle sanzioni e degli illeciti a cui potete andare incontro, avete considerato l’aspetto più delicato della faccenda? Cioè mettendovi alla guida in stato di ebbrezza rischiate di ammazzare voi stessi e gli altri. Ma invece di ragionare su queste cavolate, pensateci mille volte prima di ubriacarvi oppure se volete esagerare con l’alcol evitate di guidare

  5. Haha…..tutti moralisti in cazzo di paese…adesso….tutti pecoroni che seguono la corrente del momento…maturità sotto le scarpe intelligenza zero

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube