HOME Articoli

Lo sai che? Allusioni sullo stato di Facebook: la diffamazione scatta comunque

Lo sai che? Pubblicato il 24 marzo 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 24 marzo 2014

Post denigratori nei confronti di persone facilmente individuabili: scatta la diffamazione se l’offesa è visibile da una pluralità di contatti sul social network; inutile invocare, a propria discolpa, l’istigazione.

Vi sarà capitato di leggere qualche post su Facebook e di comprendere che l’autore, nello scriverlo, voleva riferirsi chiaramente a voi. I più furbi sono in grado di nascondere le proprie allusioni, ma c’è chi – a volte animato da forte rabbia o dalla volontà di danneggiare un rivale – non va tanto per il sottile e si lascia sfuggire qualche riferimento di troppo. Ebbene, per questi ultimi casi esiste una tutela, secondo la recente giurisprudenza.

Non è necessario indicare nome e cognome della persona a cui è rivolta un’allusione offensiva: se la “vittima” è facilmente individuabile e la frase incriminata è postata sul proprio o l’altrui stato di Facebook o in commento a qualche altro post, scatta ugualmente il reato di diffamazione.

La diffamazione corre sul filo dei social network.

Screditare le persone su Facebook, anche senza chiamarli nominalmente, può comportare il rischio di una querela se si capisce chiaramente di chi si parla: la semplice allusione, infatti, può integrare il reato.

A dirlo è una sentenza di poche ore fa firmata dalla Cassazione [1].

È bene consigliare la massima prudenza: se, infatti, il riferimento alla vittima contenuto nel post diffamatorio non dovesse essere chiaro e immediato, si può passare dalla ragione al torto e rischiare una controquerela per calunnia.

Anche il Tribunale di Monza, in una ormai storica sentenza [2], aveva decretato che la pubblicazione e diffusione su Facebook di contenuti che offendono l’onore, la reputazione e il decoro di un utente integrano responsabilità da fatto illecito, da cui deriva l’obbligo di risarcimento del conseguente danno morale.

Che fare in questi casi?

Innanzitutto bisogna sporgere querela entro 90 giorni dal fatto. Ma, prima di questo momento, sarà necessario precostituirsi le prove. Per questo preliminare – e fondamentale – passaggio, vi rinviamo all’articolo: “Come provare un post offensivo su Facebook se l’autore ha cancellato il testo”.

note

[1] Cass. sent. n.  13604 del 24.03.14.

[2] Trib. Monza, sent. n. 770/2010.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI